A- A+
Economia


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


In pochi minuti le agenzie di stampa hanno certificato quello che tutti sanno ma che pochi vogliono ammettere. A 13 anni dall'entrata in vigore dell'euro, con annessi e connessi di regole, limiti e parametri assurdi imposti da Bruxelles, la Germania brinda con il record minimo della disoccupazione al 6,5% e l'Italia affonda nel massimo storico al 13,4%. E' la plastica dimostrazione che questa moneta unica e questa Unione europea hanno fatto bene solo ai tedeschi (e a pochi altri), che in questo modo si sono pagati, sulle spalle dei partner, i costi della loro riunificazione. A questo punto delle due l'una: o l'Europa cambia radicalmente e a fondo oppure l'idea di tornare alle monete nazionali, con buona pace di Draghi e Juncker, forse potrebbe essere l'unica soluzione rimasta. Pena una povertà sempre più diffusa e una crisi sociale insostenibile.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
disoccupazione
i più visti
in evidenza
Mentana all'inizio della maratona Il Colle, il voto e l'ironia social

Quirinale/ Rete scatenata

Mentana all'inizio della maratona
Il Colle, il voto e l'ironia social


casa, immobiliare
motori
Mini classica si converte all'elettrico

Mini classica si converte all'elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.