A- A+
Economia

 

Baban 1

twitter @andreadeugeni

Il sistema Confindustria ha scelto. Una candidatura che piace a tutte (anche agli orgogliosi lombardi) le associazioni territoriali e che ha costretto gli altri due pretendenti a succedere a Vincenzo Boccia alla presidenza della Piccola Industria di Confindustria, e cioè la mantovana Maria Cristina Bertellini e l'umbro Antonio Alunni, già vice di Boccia, a fare un passo indietro e a non formalizzare le proprie candidature a fine ottobre. Il termine ultimo per recapitare a Roma le lettere con la designazione formale su cui il Comitato della Piccola si esprimerà il 28 novembre. 

Così, il 47enne veneziano Alberto Baban, già presidente Piccola Industria di Confindustria Veneto, sarà il prossimo presidente della Piccola di tutta Viale dell'Astronomia. Una nomina che riporta l'elezione del numero uno dell'associazione, che raggruppa le imprese con meno di 100 dipendenti aderenti alla Confindustria, al tradizionale percorso di scelta della presidenza: una candidatura forte in grado di coagulare la maggioranza delle preferenze (come fu nel 2005 per il friulano Giuseppe Morandini) sul territorio senza scatti al fotofinish, come invece fu, ma solo eccezionalmente, nell'ultima tornata elettorale del 2009, quando il salernitano Vincenzo Boccia ebbe la meglio sul vicentino Paolo Bastianello.

Di breve militanza confindustriale (è attivo con incarichi associativi dal 2010), Baban è riuscito però colpire gli iscritti da Nord a Sud e a sbaragliare la concorrenza dei più quotati Bertellini e Alunni. Chi lo conosce bene, lo descrive come un imprenditore molto capace e davvero in grado di fare squadra, dote necessaria per ricoprire con successo gli incarichi di vertice della Confindustria. Il suo curriculum, infatti, lo testimonia.

Giorgio Squinzi (3)

Presidente di Tapì, piccolo campione nazionale attivo nella produzione di tappi e chiusure per il settore wine&spirits, leader mondiale nel mercato di riferimento con 87 dipendenti, un fatturato di 22 milioni di euro e stabilimenti anche in Argentina e in Messico, ha fondato nel 2011 anche VeNetWork, una società di consulenza che aggrega, come soci, 47 imprenditori veneti per porsi nel tessuto delle Pmi nordestine come acceleratore di opportunità produttive e finanziarie.

Oltre a essere il numero uno delle piccole del Veneto, Baban è anche vice di Roberto Zuccato, il presidente di Confindustria Veneto che gli ha affidato la pesante delega della Ricerca e dell'Innovazione ed delle Politiche Industriali. Si dice che abbia un carisma tale da metter d'accordo persino le due storiche Province rivali di Confindustria Veneto, Vicenza e Verona. Una risorsa che entrerà ora di diritto nella squadra dei vicepresidenti di Giorgio Squinzi e che Mr Mapei saprà ben valorizzare.

E Vincenzo Boccia? Tornerà a Salerno ad occuparsi a tempo pieno dell'azienda di famiglia (Arti Grafiche Boccia)? I rumors dicono di no: Squinzi non vorrebbe perderlo e si dice che stia pensando di piazzarlo su un'altra poltrona di Viale dell'Astronomia.   

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
confindustriavenetobabanpiccola industria
i più visti
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


casa, immobiliare
motori
Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.