A- A+
Economia
Confindustria a Renzi: le riforme? Aiutino da quasi due punti di Pil in 5 anni

Le riforme? Un aiutino da 1,9 punti percentuali di Pil. La stima è del Centro studi della Confindustria secondo cui i ritardi strutturali dell'Italia zavorrano la crescita, che anche per il 2014 sarà ridotta ai minimi termini. Se il Paese invece colmasse anche solo la metà dei ritardi accumulati fino ad oggi, il Prodotto interno lordo (Pil) salirebbe di 1,9 punti percentuali in 5 anni, di 4,6 in 10 e di 20,8 in 50. Quando parlano di riforme, i tecnici di Viale dell'Astronomia hanno in mente: apertura dei mercati alla concorrenza, fisco, lavoro, e investimenti in R&S.

Se l'Italia dunque spingesse l'acceleratore sulle riforme potrebbe, dicono gli economisti di Viale dell'Astronomia rielaborando le stime della Commissione Ue, avere benefici complessivi superiori a quelli stimati per Irlanda (4,5 punti dopo 10 anni), Francia (4 punti dopo 10 anni) e Germania (1,3 punti dopo 5 anni e 2,4 dopo 10), collocandosi così solo poco dietro ai benefici che otterrebbe la Grecia (6 punti di Pil in 5 anni e 15 in 10), Spagna (4,4 punti dopo 5 anni e 5 dopo 10) e Portogallo (3 punti in 5 anni e 5 in 10 anni).

"I ritardi dell'Italia, infatti, sono così ampi che i benefici che si possono ottenere colmandone anche solo la metà, sono molto consistenti e in Italia, più che altrove, le riforme innalzano il Pil", spiega ancora Confindustria che al Governo rinnova l'invito a fare presto: "E' essenziale che agli annunci, che hanno alimentato grandi e positive aspettative, seguano i fatti". Ad impattare più di tutti su una possibile crescita del Pil sono gli interventi sul mercato del lavoro legati alla creazione di politiche attive ma soprattutto, si legge ancora nel dossier di viale dell'Astronomia contenuti negli ultimi "scenari economici" di giugno, il coinvolgimento degli inattivi, dell'occupazione femminile e degli over 60. Più donne al lavoro, infatti, significherebbe una crescita di 0,7 punti di Pil in soli 5 anni e di 1,6 punti in 10 anni. Non da meno dall'occupazione di over 60 che potrebbero fornirebbe "un contributo consistente" di 0,2 punti in 5 anni e di 0,6 punti di Pil dopo 10 anni.

Tutt'altro che trascurabile per lo studio Csc, inoltre, l'effetto che si avrebbe sul Pil dallo spostamento della tassazione dal lavoro al consumo: un intervento "a costo zero", sottolinea Confindustria, che garantirebbe un aumento di 0,4 punti in 5 anni e di 0,5 punti percentuali di Pil dopo 10 anni. Per aumentare la concorrenza, invece, l'impatto della riduzione del costo di apertura di attività economiche sarebbe pari a 0,3 punti di Pil in 10 anni da accompagnare ad una riduzione del mark-up nei servizi che potrebbe apportare un contributo al Pil dello 0,2 punti in 5 anni e di 0,3 punti in 10. "Interventi regolatori adeguati che abbattano i prezzi di servizi meno esposti alla concorrenza, potrebbero infatti abbattere i costi sostenuti da altre imprese ma soprattutto da quelli cui devono fare fronte le famiglie",spiega il Csc.

Bene anche se di più lungo periodo invece la ripercussione sul Pil dell'aumento dei laureati: secondo l'elaborazione del Csc, infatti, un risultato positivo sarebbe quantificabile solo dopo 50 anni con un contributo dell'1,9 punti percentuali di Pil. Per potenziare gli investimenti in ricerca, invece, la strada da battere sarebbe quella di aumentare il credito di imposta.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
confindustria
i più visti
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti

Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.