A- A+
Economia
Conte sorride: lo scenario migliora, neutralizzare aumento Iva ora è possibile

Un’Europa sempre più vecchia, stanca e arrabbiata prova a voltare pagina e per spegnere i focolai populisti e nazionalisti che continuano a propagarsi per il vecchio continente sembra pronta a chiudere la stagione dell’austerity, per la verità fattasi più blanda già da qualche anno, e imbracciare politiche neo-keynesiane basate sulla crescita, a debito, degli investimenti per sostenere la domanda interna e non solo le esportazioni.

In politica, come negli affari, conta anche il fattore fortuna e Giuseppe Conte di fortuna sembra esserne provvisto: il suo secondo governo, su cui ben pochi avrebbero scommesso ancora a ferragosto, sembra avere ora la strada spianata per quanto riguarda i rapporti, finora a dir poco tesi, coi principali leader europei e già ora può sorridere di frotne all’ultima raffica di stimoli monetari di “Super” Mario Draghi.

Nuovo taglio dei tassi sui depositi (ma con un meccanismo di protezione per le banche depositanti nette), migliori condizioni d’accesso alle Tltro e ripresa del quantitative easing fanno arrabbiare la stampa tedesca (che dipinge il presidente uscente della Bce come un conte Dracula che succhia i risparmi tedeschi) ma intanto regalano all’Italia un ulteriore abbassamento dello spread Btp-Bund, tornato in area 1,3% ossia a livelli precedenti le elezioni dello scorso anno che portarono al primo governo Conte.

Certo, di fronte al premier italiano che sembra piacere persino a Trump restano sfide impegnative, a partire dalla prossima finanziaria. Ma se sino a poche settimane fa far quadrare i conti sembrava una “mission impossible”, dopo l’aggiustamento dei conti di metà anno e grazie anche alla spesa minore del previsto sia per quota 100 sia per il reddito di cittadinanza, nonché al “tesoretto” in termini di minori interessi da pagare che le ultime mosse della Bce sembrano poter garantire, il quadro ora è cambiato e anziché 23 miliardi potrebbero bastarne 15 per evitare l’aumento dell’Iva e trovare spazio per una prima riduzione del cuneo fiscale sul costo del lavoro.

Ma non è solo lo scenario europeo a dare una mano al Conte-bis: in Gran Bretagna la “Brexit al buio” minacciata da Boris Johnson sembra ogni giorno meno probabile, essendo evidenti ormai i pesanti contraccolpi che genererebbe e non essendo interesse di alcun partito politico rischiare di portare il Regno Unito in recessione. 

Col che si riducono anche i rischi di contraccolpi, inevitabili, sull’Eurozona e sull’Italia in particolare, tanto che, non sarà un caso, il bel paese ha appena confermato l’ingresso nel progetto Tempest, il caccia multiruolo di quinta generazione che Gran Bretagna e Svezia stanno sviluppando in contrapposizione al Fcas/Ngf supportato da Francia, Germania e Spagna. Un progetto, quello del Tempest (destinato a sostituire i Tornado e gli F-35 attualmente in uso), che significherà nuove commesse per Leonardo e che finora ha ricevuto 2 miliardi di sterline di finanziamento sui 6 miliardi previsti per il solo sviluppo.

Per quadrare perfettamente il cerchio resta il problema dei rapporti tra Stati Uniti e Cina, ma gli ultimi segnali arrivati dalla Casa Bianca fanno sperare quanto meno in una parziale distensione già in ottobre e forse in un accordo che eviti ulteriori rialzi dei dazi entro l’anno. Mentre la crescente attenzione che la Germania sta ponendo all’esigenza di riammodernare le sue infrastrutture e di sostenere la domanda interna potrebbe riequilibrare la bilanci commerciale tedesca, prevenendo il rischio che Trump, archiviato il dossier Cina, apra un braccio di ferro con l’Europa.

In ogni caso proprio il rischio di una guerra commerciale e le incertezze ancora legate alla Brexit hanno già indotto tutte le banche centrali a modificare la loro politica monetaria, interrompendo ogni tentativo di normalizzazione e tornando ad allentare i tassi (negli Usa e in Europa, ma anche in Russia) e proseguire o riprendere gli acquisti di bond sul mercato (in Europa e Giappone), così da fornire un robusto sostegno ai mercati e minimizzare i rischi. 

Conte, insomma, sembra avere davanti strade che la presenza della Lega e in particolare di esponenti “no euro” come Borghi o Bagnai (o supposti tali come Savona) aveva mantenuto rigorosamente chiuse. Basterà questo a dare slancio all’azione di governo e a consentire all’Italia di recuperare almeno in parte il gap accumulato con le altre maggiori economie europee e mondiali? E’ presto per dirlo, ma che lo scenario stia migliorando appare evidente ed anche i mercati sembrano averlo capito, come testimonia il Ftse-Mib di Piazza Affari, tornato sopra i 22 mila punti, un 10% abbondante sopra i livelli di metà agosto quanto si aprì formalmente la crisi di governo.

Commenti
    Tags:
    giuseppe contemario draghibcegermaniadonald trumpspread
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    L'ironia del web colpisce ancora Stavolta nel mirino c'è Di Maio

    Costume

    L'ironia del web colpisce ancora
    Stavolta nel mirino c'è Di Maio


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford Mustang Mach-E GT, mostra il vero potenziale di un propulsore elettrico

    Ford Mustang Mach-E GT, mostra il vero potenziale di un propulsore elettrico

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.