A- A+
Economia
Conti pubblici, l'Ue apre: "Deroghe al tetto del 3% in cambio di riforme"

La possibilita' di concedere deroghe sugli obiettivi di deficit/Pil al 3% a quei paesi che avranno "fatto prima le riforme che hanno un impatto sulla diminuzione del debito": e' l'orientamento del presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, confermato oggi a margine dell'audizione all'Europarlamento a Bruxelles.

Il presidente dell'Eurogruppo, che aveva gia' anticipato il suo orientamento due giorni fa, al termine dell'Ecofin, ha ribadito che l'ipotesi si riferisce alla possibilita' di concedere piu' tempo per raggiungere l'obiettivo del 3% fra deficit Pil, e riguarda quindi in particolare i paesi che sono al di sopra di tale limite, che per ottenere la deroga devono pero' "dimostrare di aver gia' fatto delle riforme".

Dijsselbloem ha aggiunto che anche il vicepresidente della Commissione Ue Olli Rehn e' d'accordo con la proposta e che l'esecutivo valutera' caso per caso.

Tags:
conti pubblicitetto del 3%riformeue
i più visti
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.