A- A+
Economia
angelo maria perrino 1Angelo Maria Perrino

- Clicca qui per leggere il rapporto integrale Forum Public Affairs

- Clicca qui per leggere il sondaggio di Piepoli per il Forum Public Affairs 

Il direttore di Affaritaliani.it, Angelo Maria Perrino, moderatore del convegno "Dal contratto al patto per il lavoro, nella sfida tra trasparenza e merito" che si terrà a Roma dalle ore 12.30 alle 13.30 nella Sala Protomoteca del Campidoglio.

Il 4 giugno 2013, il Ministero del Lavoro ha avviato le operazioni per creare il "Sistema Permamente di monitoraggio e valutazione della riforma del mercato del lavoro" Per contribuire alla realizzazione di un mercato del lavoro inclusivo e dinamico, in grado di favorire la creazione di occupazione, la crescita sociale ed economica e la riduzione permanente del tasso di disoccupazione (l.92/2012).

Il Sistema, come previsto dall'art. 1 della Legge 92, consentirà il monitoraggio delle tendenze in atto sul mercato del lavoro e degli effetti provocati dalla Riforma e dai futuri aggiustamenti alle normative vigenti. Inoltre, verranno sviluppati strumenti di valutazione dei singoli interventi, secondo le migliori pratiche internazionali.

L'istituzione del Sistema anticipa una delle raccomandazioni dell'Unione Europea nei confronti dell'Italia. Il Sistema verrà realizzato da un ampio insieme di istituzioni (Inps, Inail, Isfol, Italia Lavoro, Istat, Ministero dell'Economia e delle Finanze, Ministero della Giustizia, ecc.), coordinate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Al Comitato tecnico, che ne coordina lo sviluppo, partecipano anche i rappresentanti delle Regioni, delle Province, dei Comuni e di Unioncamere.

La realizzazione del Sistema consentirà di migliorare significativamente il disegno delle politiche del lavoro e il dibattito pubblico su queste ultime, utilizzando al meglio dati statistici e analisi di qualità. Cosa cambierà rispetto alla Riforma Fornero? Quali elementi saranno mantenuti e quali abbandonati e soprattutto che ruolo giocheranno le Istituzioni e le parti sociali?
Qual'è il punto di vista dei Responsabili del Personale?
La chiave di lettura per affrontare il cambiamento si basa sulla necessità sempre più impellente che tutti gli attori interessati passino da una logica contrattualistica rousseauiana ad una in cui il Patto tra le parti è al centro di ogni decisione.

2a sessione tematica (Lavoro)

DAL CONTRATTO AL PATTO PER IL LAVORO, NELLA SFIDA TRA TRASPARENZA E MERITO.
Conduce
Angelo Maria Perrino, Direttore Responsabile Uomini e Affari / Fondatore e Direttore Responsabile Affaritaliani.it (editore Uomini e Affari srl)
Intervengono
Laura Lega, Vice Capo Dipartimento - Direttore Centrale per le Risorse Umane - Dipartimento per le politiche del personale dell'Amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie Ministero dell'Interno
Guglielmo Loy, Segreteria Confederale Uil - Unione italiana del Lavoro
Annamaria Parente, Senatrice, Vicepresidente Commissione Lavoro Senato della Repubblica
Renata Polverini, Vice Presidente della Commissione Lavoro Camera dei Deputati
Mario Resca, Presidente Confimprese - Le Imprese del Commercio Moderno
Lucia Valente, Assessore al Lavoro Regione Lazio

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
convegnodal contratto al patto per il lavoro
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.