A- A+
Economia
De Longhi al rilancio negli Usa: rileva Capital Brands per 420 milioni

De Longhi, rilancio negli Usa 

De Longhi punta al rilancio oltreoceano, negli Usa, metteno sul piatto 420 milioni di dollari. Si rafforza così in un colpo solo, come fa sapere il Sole 24 Ore, nel mercato americano e nel segmento in espansione dell’healthy food, rilevando dal private equity central lane partners la società Capital Brands holding, leader mondiale, attraverso i marchi Nutribullet e Magic Bullet, nel segmento dei personal blenders, “frullatori” compatti di nuova generazione.

Con questa operazione, si apprende dal Sole 24 Ore, gli Usa diventano il primo mercato del gruppo De Longhi, con un fatturato aggregato di oltre 500 milioni di dollari, mentre il settore dei personal blender entra a pieno titolo nel portafoglio prodotti, diventando uno dei principali segmenti dopo le macchine da caffè, con una previsione di 290 milioni di ricavi quest’anno. Nel medio periodo, poi “ci sono grandi opportunità sinergiche e di sviluppo- spiega al Sole 24 Ore l’amministratore delegato del gruppo De Longhi, Massimo Garavaglia- ci sono ancora spazi per la crescita sul mercato nordamericano, ma soprattutto nel resto del mondo, considerando che Capital Brands vanta oggi di una posizione importante non solo nel mercato Usa, ma anche in Uk, Australia, Nuova Zelanda. Molto dipenderà di introduzione nella rete gdo. Sul piano delle sinergie, inoltre, possiamo mettere a fattore comune l’integrazione con la nostra supply chain e con i nostri centri di sviluppo tecnologico". 

De Longhi, previsto un aumento del fatturato

Il prezzo pattuito, si legge in una nota e si apprende dal Sole 24 Ore, è pari ad un multiplo dell’ebitda adjusted previsto per il 2020 di poco superiore alle8 volte. Questo significa che la società può vantare un ebit da mda margin che, come confermano gli analisti di Equita, dovrebbero superare il 17%. Anche per questa ragione, come si legge in una nota, l’operazione, il cui closing è previsto per la fine dell’anno, sarà “accretive”, cioè in grado di aumentare l’utile per azione già dall’anno prossimo. Nell’ultima trimestrale De Longhi ha rivisto al rialzo la guidance, confidando di poter chiudere l’anno con ricavi in crescita organizza a un tasso high single digital nei nove mesi il fatturato è aumentato del 13% a 1,473 miliardi, con la divisione macchine da caffè in crescita del 30% nel trimestre- e un Ebitda adjusted in aumento sia in valore che in percentuale dei ricavi, “auspicando- spiega l’amministratore delegato- un livello in linea con l’ultima trimestrale”. 

 

 

Commenti
    Tags:
    de longhi usa rilanciode longhi usa rilancio capital brandsde long capital brands rilancio usade longhi usa america
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Un bel cappio per il collo Ecco i primi aiuti dello stato

    Covid vissuto con ironia

    Un bel cappio per il collo
    Ecco i primi aiuti dello stato


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Skoda Kodiaq, arriva il restyling

    Skoda Kodiaq, arriva il restyling

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.