A- A+
Economia

 

 

Ministri Flavio ZanonatoFlavio Zanonato

Sempre più tartassati. Nel primo trimestre dell'anno la pressione fiscale e' salita ancora arrivando al 39,2%, in crescita di 0,6 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. E' quanto rileva l'Istat nel conto economico delle Amministrazioni pubbliche.

Nonostante le tasse sempre più alte, lo Stato continua a indebitarsi. Nello stesso periodo dell'anno, infatti, l'indebitamento netto delle Amministrazioni Pubbliche e' stato pari al 7,3% del Pil (nel 2012 era  al 6,6%). Il saldo primario e' risultato negativo per 9.601 milioni di euro. L'incidenza sul Pil e' stata del -2,6%. Il saldo corrente e' stato pari a -18.506 milioni di euro (era stato -16.819 milioni di euro nel corrispondente trimestre dell'anno precedente), con un'incidenza sul Pil di -5%. Le uscite totali sono aumentate, in termini tendenziali, dell'1,3%. Le uscite correnti sono cresciute dell'1% e quelle in conto capitale del 7,6%. Le entrate totali sono rimaste invariate rispetto al corrispondente periodo del 2012.

Intanto, l'esecutivo prende tempo sui rimborsi. Il Governo e' impegnato a pagare i debiti della Pa il prima possibile ma non e' in grado di promettere che l'intero importo verra' saldato entro il 2013. "Mi piacerebbe tanto", ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, intervenendo a 'Radio Anch'io', "ma non so se si potra' fare. Non e' questione di cattiva volonta'", ha aggiunto, "ma tecnica: abbiamo rimosso gli ostacoli e ora tutte le fonti di spesa devono attivarsi per pagare. Stiamo monitorando".

Ma il Pdl non ci sta e continua ad insistere su un provvedimento urgente. Alfano, con un Twitter ribadisce che la posizione del Pdl è "abbattere il debito pubblico per diminuire le tasse e pagare subito i debiti dello Stato alle imprese".

Sulla stessa linea il capogruppo Renato Brunetta. "La vera leva per rimettere in moto la crescita c'e' gia', basta azionarla. La chiave e' anticipare al secondo semestre 2013 tutto il plafond di pagamenti delle pubbliche amministrazioni alle imprese spalmato attualmente fino al 2014. L'effetto shock che potrebbe derivarne e' un maggior gettito per lo Stato di 8-9 miliardi tra Iva e imposte dirette e contributi sociali".

A placare gli animi alla fine è intervenuto Letta: il governo e' intenzionato ad accelerare in autunno il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione verso le imprese, ha assicurato il premier. Senza soffermaersi però sulle cifre.

Tags:
patassepressione fiscalezanonato
i più visti
in evidenza
"Rido con Zalone, amo gli horror Only Fun? Sarà sorprendente..."

Elettra Lamborghini ad Affari

"Rido con Zalone, amo gli horror
Only Fun? Sarà sorprendente..."


casa, immobiliare
motori
Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione

Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.