A- A+
Economia
Difesa, sovranità tech, migranti… Il discorso di Ursula all’Europarlamento

Difesa europea, autonomia industriale, condivisione dei vaccini, lotta alla violenza sulle donne: sono i principali annunci del discorso annuale sullo Stato dell'Unione pronunciato dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, al Parlamento a Strasburgo.

- DIFESA COMUNE Un vertice sulla difesa sara' organizzato dalla presidenza francese dell'Unione europea nella prima meta' del 2022. von der Leyen ha auspicato maggiore autonomia e piu' condivisione dell'intelligence tra gli Stati Ue.

- AFGHANISTAN L'Unione europea fornira' altri 100 milioni di euro di aiuti alle organizzazioni umanitarie presenti in Afghanistan per evitare "una grave carestia e disastro umanitario" nel Paese in mano ai talebani da meta' agosto. L'Ue aveva gia' annunciato ad agosto il quadruplicamento dei suoi aiuti umanitari all'Afghanistan e ai Paesi vicini, portandoli a 200 milioni nel 2021.

- SOVRANITA' TECNOLOGICA Bruxelles proporra' una legge europea sui semiconduttori per difendere la sovranita' tecnologica dell'Ue, attualmente dipendente dall'Asia in materia, mentre le carenze paralizzano diversi settori di attivita'. Entro il 2030, l'Ue mira a produrre il 20% dei semiconduttori nel mondo, raddoppiando la sua quota attuale.

- ACCELERARE LA VACCINAZIONE GLOBALE Sottolineando che su scala globale "meno dell'1% delle dosi (di vaccini) somministrate sono state inoculate in Paesi a basso reddito", von der Leyen ha annunciato che l'Ue quasi raddoppiera' la sua donazione di vaccini a questi Paesi, arrivando a 450 milioni dosi entro la meta' del 2022.

- L'EUROPA DELLA SALUTE Una nuova autorita', denominata Hera, gestita dalla stessa Commissione, sara' responsabile della preparazione dell'Ue per le prossime crisi sanitarie e degli investimenti in tecnologie mediche promettenti.

- ERASMUS PER INATTIVI L'Ue lancera' un nuovo programma, Alma, sul modello Erasmus, per offrire ai giovani disoccupati o non formati "la possibilita' di un'esperienza lavorativa temporanea in un altro Stato membro" rispetto al proprio.

- REGOLE DI BILANCIO L'Ue avviera' "nelle prossime settimane" un dibattito sulla riforma delle regole di bilancio europee che dovrebbe portare al loro allentamento.

- LOTTA ALL'EVASIONE FISCALE Bruxelles proporra' un disegno di legge mirato ai profitti nascosti dietro le societa' fittizie in modo che le societa' paghino "una giusta quantita' di tasse".

- LAVORO FORZATO La Commissione proporra' il divieto di vendita nell'Ue di prodotti da lavoro forzato, che potrebbe incidere sulla produzione cinese che coinvolge la minoranza musulmana uigura.

- VIOLENZA CONTRO LE DONNE L'esecutivo europeo proporra' "entro fine anno" una legge sulla lotta alla violenza sulle donne. "Si tratta di adottare sanzioni efficaci, prevenire e proteggere", ha affermato von der Leyen.

- AMBIENTE L'Ue aumentera' di quattro miliardi di euro fino al 2027 il suo contributo al finanziamento dell'"azione per il clima" nei Paesi piu' vulnerabili e si aspetta "uno sforzo aggiuntivo" dagli Stati Uniti e da "altri partner". L'Ue si era gia' impegnata a finanziare 25 dei 100 miliardi all'anno promessi dalla comunita' internazionale fino al 2025.

- MIGRANTI Sei anni dopo il flusso di profughi dalla Siria che ha colto di sorpresa l'Ue, von der Leyen ha esortato gli Stati membri ad adottare la riforma della politica di asilo proposta dalla Commissione nel 2020, che e' arenata in profonde divisioni tra i Ventisette. "Vi esorto , in quest'Aula e negli Stati membri, ad accelerare il processo", ha affermato. Scagliandosi contro un "attacco ibrido per destabilizzare l'Europa", ha inoltre denunciato la "strumentalizzazione" dei migranti da parte della Bielorussia, "imbarcata su aerei e spinti letteralmente verso i confini dell'Europa".

- STATO DI DIRITTO La leader dell'Ue ha sottolineato la sua "determinazione" a difendere i valori europei evitando di stigmatizzare Ungheria e Polonia. Bruxelles e' impegnata in uno scontro con i due Paesi sul rispetto delle decisioni della giustizia europea, l'indipendenza dei giudici e la lotta alla corruzione. "Alcuni Stati membri hanno registrato sviluppi preoccupanti" ma "il dialogo non si chiude mai", ha affermato.

"L’accorato discorso della VDL sullo Stato dell’Unione è condivisibile sotto molti aspetti, ma tanti altri sono stati taciuti" –dichiara Eleonora Evi, eurodeputata e co-portavoce nazionale di Europa Verde.

"Di certo il richiamo alla forza con la quale abbiamo fronteggiato la pandemia non può esimersi dall’evidenziare anche le tante ombre che hanno contraddistinto la lotta al COVID; in primis per le disuguaglianze tra gli Stati membri in termini di possibilità e accesso ai vaccini. La pandemia, inoltre, ha messo in luce ancora una volta la maggiore esposizione delle donne al rischio di perdere il lavoro e di essere vittime di episodi di violenza domestica. A tal proposito, accogliamo con favore la proposta di una nuova norma sul contrasto della violenza di genere, ma ad essere rimossi devono essere a monte gli ostacoli che impediscono una piena autonomia economica e, quindi, decisionale, delle donne.

Assolutamente condivisibile la necessità di una proposta per tutelare i giornalisti e la libertà di espressione, principio fondante della nostra Unione. Ai nomi di Daphné Caruana Galizia, Ján Kuciak e Peter de Vries citati dalla Presidente Von Der Leyen, che non dovremmo mai dimenticare, aggiungerei quello di Julian Assange, vittima dello stesso sistema di bavaglio per il quale la verità assume sempre le connotazioni di un problema.

Accolgo con favore anche la creazione del programma ALMA per aiutare i giovani europei che non hanno impiego, né istruzione, perché è questo che l’Europa deve fare, impegnarsi a non lasciare indietro nessuno.

Ma non è possibile delineare l’Europa del futuro prescindendo dalle sfide ambientali che siamo chiamati a combattere, a partire da quella climatica.

Ecco perché è importante che siano i prodotti green ad essere esentati dal pagamento dell’IVA, più che quelli militari; ecco perché occorre ribadire che il pacchetto FIT FOR 55 presentato ieri, sebbene rappresenti un passo nella giusta direzione, non risulta adeguato ad affrontare l’urgenza, perché le misure previste richiedono un periodo di attuazione troppo lungo.

Ed ecco perché il silenzio sulla nuova PAC è stato assordante: non possiamo permettere che un terzo del bilancio europeo vada investito a sostegno di attività dall’impatto devastante sul clima, come gli allevamenti intensivi. E naturalmente il cambiamento deve riguardare anche il nostro sistema alimentare, che abbiamo il dovere di rendere più sostenibile con un’alimentazione che preveda un minor consumo di carne e incentivi pratiche biologiche in agricoltura. Purtroppo non una parola è stata spesa su questo tema fondamentale. Ma c’è un altro grande assente nel discorso della presidente Von Der Leyen: gli accordi commerciali, come quello tra Ue e Paesi del Mercosur, che avrebbe ripercussioni enormi non solo sull’ambiente, ma anche sui diritti delle popolazioni indigene, ultima roccaforte per proteggere la foresta Amazzonica dalle mire dell’agribusiness.

L’immagine di determinazione rappresentata da Bebe Vio deve ispirarci ad avere lo stesso coraggio nell’appropriarci del futuro che vogliamo, un futuro che senza mettere al centro le politiche ambientali e climatiche rischia di avere un orizzonte molto ridotto" – conclude Evi.

Ue, von der Leyen: con Draghi eccellente cooperazione

"Mario Draghi ha una profonda conoscenza e abbiamo un'eccellenza cooperazione. Vedo ad esempio che il Recovery plan dell'Italia e' un piano molto solido. E cio' e' buono. Avremo bisogno della sua conoscenza per la ripresa comune dell'Europa e non vedo l'ora di lavorare con lui". Lo ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, parlando con un gruppo di televisioni italiane a margine della plenaria di Strasburgo.

Commenti
    Tags:
    difesaursula von der leyen
    i più visti
    in evidenza
    Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

    Le foto valgono più delle parole...

    Nicole Minetti su Instagram
    Profilo vietato agli under 18


    casa, immobiliare
    motori
    Citroen: sarà in concessionaria a inizio 2022 la nuova CX 5

    Citroen: sarà in concessionaria a inizio 2022 la nuova CX 5

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.