A- A+
Economia
La svolta: cala la disoccupazione. Renzi ha intercettato la ripresa

Schiarita sul fronte del mercato del lavoro italiano, con un forte calo del tasso di disoccupazione a dicembre: secondo la stima preliminare dell'Istat la percentuale di senza lavoro scende al 12,9%, in diminuzione di 0,4 punti percentuali su novembre. L'Istituto annota che si tratta del "primo segnale di contrazione" dopo "un periodo di crescita che si è protratto nella seconda metà dell'anno". E' in effetti il valore più basso da settembre e arriva nonostante i nuovi contratti del Jobs Act, attivi dal 2015, facessero pronosticare uno slittamento dell'avvio dei contratti di lavoro per cogliere le nuove opportunità.

Anche guardando al tasso di disoccupazione dei 15-24enni si segna una decisa riduzione al 42%, il valore più basso da dicembre del 2013, quindi da un anno. Ma non deve trarre in inganno: "A dicembre", dice l'Istat, "sono occupati 918 mila giovani tra i 15 e i 24 anni, in calo dello 0,7% (-7 mila) rispetto al mese precedente e del 3,6% su base annua (-34 mila)". Cala dunque il tasso di occupazione giovanile e sale invece il numero di giovani inattivi: è pari a 4 milioni 382 mila, in aumento dello 0,9% nel confronto congiunturale (+37 mila) e dello 0,4% su base annua (+17 mila).
 
Tornando ai dati complessivi, l'Istituto spiega che nell'ultimo mese dell'anno scorso gli occupati sono risultato 22 milioni 422 mila: "dopo il calo osservato nei due mesi precedenti, l'occupazione a dicembre aumenta dello 0,4% (+93 mila), tornando su valori prossimi a quelli di settembre. Su base annua la crescita è dello 0,5% (+109 mila)". Il tasso di occupazione, pari al 55,7%, aumenta di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,3 punti rispetto a dodici mesi prima.

Dall'altra parte della barricata ci sono 3 milioni 322 mila disoccupati, un numero in calo del 3,2% rispetto al mese precedente (-109 mila persone) ma in aumento del 2,9% su base annua (+95 mila). Detto del calo sensibilemensile, bisogna dire anche che rispetto ad un anno prima il tasso di disoccupazione è in aumento di 0,3 punti percentuali.

Segnali meno positivi dal fatto che il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente; anche a novembre l'inattività aveva registrato un'analoga crescita, dopo il calo avviatosi nel mese di aprile. Su base annua l'inattività si mantiene in calo dell'1,9%. Il tasso di inattività, pari al 35,8%, aumenta di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali e diminuisce di 0,6 punti su base annua.

Anche a livello europeo sono stati diffusi i dati sul lavoro. A dicembre il tasso di disoccupazione nella zona euro è sceso all'11,4% da 11,5% a novembre e da 11,8% un anno prima. E' il tasso più basso dall'agosto 2012. Nella Ue, si registra un 9,9% dopo 10% a novembre (10,6% un anno prima). Per l'Unione è la prima volta che il tasso di disoccupazione scende sotto il 10% da ottobre 2011.

Tags:
disoccupazione
S
i più visti
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente


casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.