A- A+
Economia
riciclo rifiuti

Energia solo dai rifiuti e da fonti rinnovabili, senza uso di petrolio: il miracolo avviene in un piccolo comune italiano, Prato allo Stelvio, 3.400 abitanti, nel cuore dell’Alta Val Venosta. Qui non si butta niente e tutto viene riciclato per produrre energia elettrica nella zona. Il liquame prodotto da 50 masi e 700 vacche sul territorio, gli scarti delle segherie, quelli alimentari e della frutta. Sono prodotti che fermentano in alcuni piccoli impianti e producono biogas, per poi essere trasformati con i cogeneratori in energia elettrica e termica.

Al riciclo dei rifiuti a Prato allo Stelvio si aggiunge, nella filiera elettrica, l’energia prodotta da fonti rinnovabili, eolico, fotovoltaico e mini-idroelettrico. Il risultato finale è che gli abitanti del territorio non solo sono autosufficienti dal punto di vista energetico, ma hanno un surplus elettrico del 39 per cento e possono vendere questa differenza sul mercato, abbassando le tariffe e migliorando il servizio. Così le bollette sono meno care del 30 per certo e le inefficienza di sistema pari a zero. Un esempio virtuoso da seguire ovunque sia possibile.

Tags:
enrgia elettricarifiutiriciclo

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.