A- A+
Economia
riciclo rifiuti

Energia solo dai rifiuti e da fonti rinnovabili, senza uso di petrolio: il miracolo avviene in un piccolo comune italiano, Prato allo Stelvio, 3.400 abitanti, nel cuore dell’Alta Val Venosta. Qui non si butta niente e tutto viene riciclato per produrre energia elettrica nella zona. Il liquame prodotto da 50 masi e 700 vacche sul territorio, gli scarti delle segherie, quelli alimentari e della frutta. Sono prodotti che fermentano in alcuni piccoli impianti e producono biogas, per poi essere trasformati con i cogeneratori in energia elettrica e termica.

Al riciclo dei rifiuti a Prato allo Stelvio si aggiunge, nella filiera elettrica, l’energia prodotta da fonti rinnovabili, eolico, fotovoltaico e mini-idroelettrico. Il risultato finale è che gli abitanti del territorio non solo sono autosufficienti dal punto di vista energetico, ma hanno un surplus elettrico del 39 per cento e possono vendere questa differenza sul mercato, abbassando le tariffe e migliorando il servizio. Così le bollette sono meno care del 30 per certo e le inefficienza di sistema pari a zero. Un esempio virtuoso da seguire ovunque sia possibile.

Tags:
enrgia elettricarifiutiriciclo

in evidenza
"Cos'è la destra? Cos'è la sinistra?": dalla Milano di Gaber alla Piazza di Ceglie, snodo delle elezioni 2022

La kermesse di Affari dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Cos'è la destra? Cos'è la sinistra?": dalla Milano di Gaber alla Piazza di Ceglie, snodo delle elezioni 2022


casa, immobiliare
motori
Toyota, rinnova l'app di mobilità intregrata KINTO Go

Toyota, rinnova l'app di mobilità intregrata KINTO Go

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.