A- A+
Economia
Gela, accordo fra Eni e i sindacati. Pronti 2,1 miliardi di investimenti

Accordo sullo stabilimento petrolchimico di Gela fra l'Eni e i sindacati, intesa raggiunta al Ministero dello Sviluppo Economico. Le parti, si legge nel verbale dell'incontro presso il Mise presieduto dal ministro Federica Guidi, avvieranno un confronto sulle prospettive strategiche del sito che si sviluppera' in incontri che coinvolgeranno tutte le strutture sindacali territoriali. Il confronto terminera' entro la prima settimana di settembre. Nelle intenzioni dell'Eni c'è la volontà di riconvertire tutti i lavoratori dello stabilimento, impianto che verrà dedicato alla chimica verde con un investimento complessivo di circa 2,1 miliardi di euro.

Il tavolo di confronto nazionale presso il Mise verrà nuovamente convocato entro il 15 settembre 2014. Eni si e' impegnata a riprendere immediatamente il processo manutentivo che deve garantire la conservazione degli impianti e il ripristino dell'efficienza operativa della linea 1, anche attraverso il coinvolgimento dell'indotto, nelle more che venga definito un progetto in grado di dare stabilita' di lungo periodo per il sito di Gela.

Eni/Versalis e organizzazioni sindacali territoriali si attiveranno congiuntamente per valutare le problematiche legate all'Aia della Cte di Porto Marghera, che oggi impediscono il riavvio previsto delle cracking per individuare le soluzioni, tecnicamente ed economicamente compatibili che consentano di superare tale criticita'. Anche su questa materia e' prevista dall'accordo la convocazione di un tavolo nazionale di confronto entro il 30 settembre.

"Sono particolarmente soddisfatto dell'intesa raggiunta al Mise con le organizzazioni sindacali, grazie alla mediazione del Ministro Guidi, in quanto consente di avviare un percorso in un clima sereno e costruttivo per realizzare il nuovo progetto di Gela". E' il commento dell'ad di Eni Claudio Descalzi. "Questo progetto - spiega il manager - dara' solide prospettive economiche, anche grazie alle nuove iniziative industriali previste nell'upstream e nella produzione di bio carburanti dove eni dispone di una leadership tecnologica, consentendo cosi' la salvaguardia dell'occupazione". "Nel corso dell'incontro - ha sottolineato Descalzi- abbiamo anche ribadito la centralita' industriale del sito di Porto Marghera".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
enigelaaccordosindacati
i più visti
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


casa, immobiliare
motori
Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.