A- A+
Economia
Eni, Scaroni fa il punto sulle attività in Libia col primo ministro di Tripoli

Il primo ministro libico, Ali Zidan, e l'amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, si sono incontrati oggi a Roma per fare il punto sulle attività di Eni in Libia e sul settore energetico del Paese. Durante l'incontro, Ali Zidan ha sottolineato l'importanza della presenza storica di Eni nel Paese, evidenziando come attualmente la compagnia contribuisca per la metà dell'intera produzione libica, assicurando nel contempo la generazione di elettricità per uso locale.
 
Scaroni ha condiviso con il primo ministro libico l'esigenza di garantire condizioni di sicurezza agli impianti produttivi, organizzandone efficacemente la tutela, per evitare intermittenze nella produzione a scapito dell'interesse del Paese e del funzionamento tecnico dei campi.
 
Il ceo dell'Eni ha ribadito ad Ali Zidan l'importanza  della Libia come fonte di garanzia dell'approvvigionamento di gas per l'Italia e come area strategica per le attività di Eni, auspicando che il Paese prosegua nel proprio percorso verso la stabilità e la sicurezza. Eni è presente in Libia dal 1959 ed è il primo operatore internazionale di idrocarburi del Paese, con una produzione attuale di circa 230 mila barili di olio equivalente al giorno.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
eniscaroni
i più visti
in evidenza
BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi

Scatti d'Affari

BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi


casa, immobiliare
motori
Nissan svela la nuova Micra elettrica

Nissan svela la nuova Micra elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.