A- A+
Economia
Eni, Paolo Scaroni incontra il nuovo primo ministro libico Al Thani

Paolo Scaroni, amministratore delegato di Eni, si e' recato a Tripoli per incontrare il nuovo primo ministro libico, Abdullah al Thani. Tema centrale dell'incontro, spiega una nota, "e' stata l'importanza di mantenere e incrementare gli attuali livelli produttivi di Eni in Libia, di fondamentale importanza per il Paese dal momento che le produzioni operate da Eni congiuntamente con la Noc contribuiscono per buona parte della produzione di idrocarburi libica, assicurando al contempo la generazione di elettricita' per uso locale". Alla luce dei recenti sviluppi geopolitici, Scaroni ha inoltre evidenziato la crescente l'importanza della Libia per la sicurezza degli approvvigionamenti di gas italiani. Eni e' presente in Libia dal 1959 ed e' il primo operatore internazionale di idrocarburi del Paese, con una produzione equity attuale di circa 250 mila barili di olio equivalente al giorno.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
enipaolo scaronial thani e scaroni
i più visti
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


casa, immobiliare
motori
Kia svela la nuova generazione della Niro

Kia svela la nuova generazione della Niro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.