BANNER

Dopo la Russia, l'Ucraina. Eni ha firmato oggi a Kiev con il governo ucraino, rappresentato dal ministro dell'Energia Eduard Stavytsky, alla presenza del presidente della Repubblica ucraina Viktor Janukovic, un Production Sharing Agreement (Psa) per l'esplorazione e lo sviluppo di un'area situata nelle acque convenzionali del Mar Nero ucraino.

L'area dal potenziale significativo, spiega una nota, si estende su circa 1400 chilometri quadrati nelle acque al largo della Crimea orientale, e include la licenza Subbotina, dove e' stata fatta l'omonima scoperta a olio, e le licenze Abiha, Mayachna e Kavkazka, conosciute complessivamente come Pry Kerch block, dove sono state individuate diverse strutture potenzialmente mineralizzate a olio e gas. Eni e' operatore, con una partecipazione del 50%, di una joint venture composta anche da EdF (5%) e dalle aziende di Stato Vody Ukrainy (35%) e Chornomornaftogaz (10%), interamente controllate rispettivamente da NJSC Nadra Ukrainy e NJSC Naftogaz Ucraina.

L'esperienza di Eni nella esplorazione, sviluppo e produzione in bacini analoghi e la sua vasta competenza nell'impiego delle tecnologie necessarie allo sviluppo di attivita' offshore, combinate con la competenza apportata dai partner ucraini, rappresentano una combinazione eccellente per il successo del progetto. Il PSA, che fa seguito agli accordi di collaborazione stabiliti nel 2011 con le societa' di Stato, rafforza in modo significativo la presenza di Eni in Ucraina, dove la societa' e' presente dal 2011 nelle licenze Zagoryanska e Pokroskoe situate nel bacino Dniepr-Donetz.

Nel 2012, Eni ha acquisito una quota di partecipazione del 50,01% e l'operatorship in LLC Westgasinvest, societa' che attualmente detiene i diritti di nove aree a gas non convenzionale nel bacino di Lviv, in Ucraina occidentale, per un totale di circa 3.800 chilometri quadrati.

2013-11-27T14:32:56.13+01:002013-11-27T14:32:00+01:00truetrue1066116falsefalse3Economia/economia4130922610662013-11-27T14:32:56.193+01:0010662013-11-27T14:44:07.79+01:000/economia/eni-ucraina27112013false2013-11-27T14:44:10.467+01:00309226it-IT102013-11-27T14:32:00"] }
A- A+
Economia

 

 

scaroni

BANNER

Dopo la Russia, l'Ucraina. Eni ha firmato oggi a Kiev con il governo ucraino, rappresentato dal ministro dell'Energia Eduard Stavytsky, alla presenza del presidente della Repubblica ucraina Viktor Janukovic, un Production Sharing Agreement (Psa) per l'esplorazione e lo sviluppo di un'area situata nelle acque convenzionali del Mar Nero ucraino.

L'area dal potenziale significativo, spiega una nota, si estende su circa 1400 chilometri quadrati nelle acque al largo della Crimea orientale, e include la licenza Subbotina, dove e' stata fatta l'omonima scoperta a olio, e le licenze Abiha, Mayachna e Kavkazka, conosciute complessivamente come Pry Kerch block, dove sono state individuate diverse strutture potenzialmente mineralizzate a olio e gas. Eni e' operatore, con una partecipazione del 50%, di una joint venture composta anche da EdF (5%) e dalle aziende di Stato Vody Ukrainy (35%) e Chornomornaftogaz (10%), interamente controllate rispettivamente da NJSC Nadra Ukrainy e NJSC Naftogaz Ucraina.

L'esperienza di Eni nella esplorazione, sviluppo e produzione in bacini analoghi e la sua vasta competenza nell'impiego delle tecnologie necessarie allo sviluppo di attivita' offshore, combinate con la competenza apportata dai partner ucraini, rappresentano una combinazione eccellente per il successo del progetto. Il PSA, che fa seguito agli accordi di collaborazione stabiliti nel 2011 con le societa' di Stato, rafforza in modo significativo la presenza di Eni in Ucraina, dove la societa' e' presente dal 2011 nelle licenze Zagoryanska e Pokroskoe situate nel bacino Dniepr-Donetz.

Nel 2012, Eni ha acquisito una quota di partecipazione del 50,01% e l'operatorship in LLC Westgasinvest, societa' che attualmente detiene i diritti di nove aree a gas non convenzionale nel bacino di Lviv, in Ucraina occidentale, per un totale di circa 3.800 chilometri quadrati.

Tags:
eni
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.