A- A+
Economia
merkel euro

I lavoratori tedeschi stanno prendendo sempre piu' gusto agli scioperi, anche se di breve durata. A fare l'allarmata constatazione e' la 'Frankfurter Allgemeine Zeitung' (Faz), che pubblica i dati raccolti dall'Agenzia federale del Lavoro (BA), secondo i quali lo scorso anno e' raddoppiato rispetto al 2011 il numero di lavoratori che hanno scioperato. Nel 2012 sono stati infatti 35.702 i lavoratori tedeschi che hanno incrociato le braccia, piu' del doppio rispetto ai 14.259 del 2011.

Ad aumentare sono i cosiddetti "scioperi bagattella", che di norma durano solo alcune ore al giorno. Il numero dei lavoratori che hanno partecipato a queste azioni rivendicative e' salito lo scorso anno a 13.500, un numero quattro volte superiore a quello dell'anno precedente. Secondo i dati della BA, lo scorso anno si sono perse per scioperi 94.197 giornate lavorative, un terzo in piu' rispetto al 2011.

La Faz sottolinea comunque che si e' ben lontani dalle cifre degli scioperi degli anni passati, poiche' solo nel 2006 si erano perdute 250mila giornate lavorative, mentre nel 1984, quando i sindacati si batterono per la settimana di 35 ore, le giornate perse per sciopero furono oltre 6 milioni.

Tags:
faztedeschisciopero

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.