A- A+
Economia
La carta infiamma Piazza Affari: Fedrigoni pepara l'Ipo

A fermarlo fu, nel settembre di tre anni fa, il vortice in cui precipitarono l'Italia e lo spread. Ma ora Fedrigoni è pronto a riprovarci e a sbarcare presto a Piazza Affari.

Il gruppo veneto della carta, infatti, ha deciso che è arrivato il momento giusto per quell'Ipo saggiamente rimandata nel 2011. A convincere Alessandro Fedrigoni, presidente e nipote del fondatore del gruppo, è stato anche l'advisor, Mediobanca, che secondo indiscrezioni potrebbe puntare a una valutazione tra 760 e 850 milioni di euro.

Obiettivo: "Crescere, fare acquisizioni, conquistare mercati". Fedrigoni, oltre alle attività tradizionali legate alla carta, è uno dei fornitori della Banca Centrale europea per la stampa dell’euro, e produce anche rupie, yuan fino alle carte per assegni e passaporti, grazie alle tecnologie realizzate a Fabriano dalle Cartiere Miliani, rilevate dal Poligrafico dello Stato.

Tags:
fedrigoniipopiazza affari

in evidenza
Malocclusione dentale e abitudini Cos’è, come trattarla e conseguenze

Trattamento ortodontico

Malocclusione dentale e abitudini
Cos’è, come trattarla e conseguenze


motori
Dacia Spring si aggiudica il titolo di auto più Verde del Green NCAP 2022

Dacia Spring si aggiudica il titolo di auto più Verde del Green NCAP 2022

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.