A- A+
Economia
Ferrari rinvia di un anno i target. Brusca frenata in Borsa con utili a +24%
Advertisement

Portafoglio ordini record (+20%), grazie soprattutto alla forte domanda di Stati Uniti e Cina, dove la dimensione delle richieste è raddoppiata negli ultimi mesi. “Ottimi” risultati trimestrali e nuovi modelli in arrivo. Ma target al 2022 posticipati di un anno. Ferrari ingrana la retromarcia a Piazza Affari dove il titolo a fine seduta perde oltre l'8% a 168,05 euro, dopo che il presidente del Cavallino John Elkann, ancora alla ricerca del nuovo amministratore delegato, ha rinviato il raggiungimento degli obiettivi di bilancio a causa dell'impatto del Covid-19.

"Guardando al futuro, ci aspettiamo che l'approccio prudenziale adottato nel 2020, e che continua nel 2021, nel modificare i nostri investimenti in risposta all'emergenza da Covid-19 posticiperà di un anno il raggiungimento della nostra guidance 2022”, ha spiegato infatti il numero uno della casa di Maranello che ha aggiunto: ”Tuttavia, la robustezza del nostro portafoglio ordini e i nuovi eccezionali modelli che lanceremo negli anni a venire forniscono una base solida sulla quale costruire le nostre future ambizioni”.

Nel primo trimestre la Ferrari ha macinato 206 milioni di euro di profitti, in crescita del 24% su un anno prima, mentre i ricavi netti sono cresciuti dell'8,5% a 1,011 miliardi. L'ebitda è di 376 milioni (+19%) con un margine sui ricavi che sale al 37,2% dal 34% del primo trimestre 2020. In crescita del 21% l'Ebit a 266 milioni.

Le vetture consegnate hanno raggiunto le 2.771 unità, con un incremento di 33 unità, o dell’1,2%, rispetto a un primo trimestre dell'anno precedente forte nonostante l'impatto, seppur limitato, della pandemia da Covid-19 sul core business, dice la nota.

Nonostante lo spostamento dei target è stata comunque confermata la presentazione della Purosangue (il primo Suv del Cavallino) nel 2022 e "i lanci dei prodotti che daranno forza alle nostre ambizioni nel 2023 e oltre". Proprio domani Ferrari "presenterà il primo nuovo modello per quest'anno, la nuova Ferrari V12 in edizione limitata. Sono lieto di annunciare che è già esaurita", ha fatto sapere Elkann. 

Sul motore elettrico, il presidente della Ferrari ha spiegato che il Cavallino sta “continuando a implementare la strategia di elettrificazione in modo altamente disciplinato. Si tratta di un'enorme opportunità per creare un'esperienza unica per i nostri clienti. Siamo anche molto entusiasti della nostra prima Ferrari completamente elettrica che sveleremo nel 2025. Le tecnologie sono, come sempre, guidate dal know-how che stiamo applicando negli sport motoristici in cui ci siamo sviluppati, soprattutto in Formula 1". 

Commenti
    Tags:
    ferrarijohn elkann presidente ferraritrimestrale ferrari
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    L'ex di Cristiano Ronaldo va in gol Perizoma e... si toglie il reggiseno

    Wanda, Diletta e... le foto delle Vip

    L'ex di Cristiano Ronaldo va in gol
    Perizoma e... si toglie il reggiseno


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel svela il nuovo Vivaro-e HYDROGEN

    Opel svela il nuovo Vivaro-e HYDROGEN

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.