A- A+
Economia
marchionne obama

Fiat in battuta a Milano. Il titolo, sospinto dalle voci di una possibile prossima intesa tra Fiat e il fondo pensione Veba (controllato dal potente sindacato dei metalmeccanici americani, Uaw) in merito alla valutazione delle quote di Chrysler che la prima dovrebbe rilevare dal secondo (per poi preparare il ritorno del titolo sul listino di Wall Street), veleggia con un rialzo superiore al 3% .

L’ipotesi di accordo con Veba, tuttora socio al 41,5% in Chrysler, prima (o subito dopo) che a dirimere la questione sia il tribunale del Delaware cui entrambi i contendenti si sono rivolti (per sapere quanto la Fiat dovrà pagare l’ennesimo “pacchettino” del 3,3% che Bob King vuole cedere a Sergio Marchionne, valutazione su cui ci si baserebbe anche per i titoli rimanenti) e che dovrebbe entro un mese o poco più giungere a sentenza, piace alla borsa. Certo, Fiat difficilmente può sperare di pagare “solo” gli 1,8 miliardi di dollari che attualmente offre (per l’intero 41,5%), ma può ragionevolmente sperare di non essere obbligato a pagare tutti i 4,6 miliardi chiesti da Veba. In ogni caso Marchionne non intende salire al 100% del produttore americano per poi rimanere proprietario di tale quota.

Da tempo, anzi, la stampa americana va scommettendo che una volta salita al 100% di Chrysler la Fiat collocherà una corposa minoranza sul listino azionario di New York per rientrare dell’investimento e far emergere più chiaramente il valore che attualmente è offuscato in bilancio dai problemi di Fiat in Europa. Basti pensare che se avesse ragione Veba, allora Chrysler da sola varrebbe oltre 11 miliardi di dollari, pari a circa 8,5 miliardi di euro. Ma visto che al momento il titolo Fiat non arriva a 6,8 miliardi di euro di capitalizzazione, ciò vorrebbe implicitamente dire che Fiat rappresenta una “zavorra” da circa 1,8 miliardi di euro di valutazione negativa.

Un’ipotesi che non appare realistica, peraltro, visto che proprio Fiat ha rivitalizzato Chrysler con un modello, la Fiat 500, che dopo qualche incertezza iniziale sta iniziando a raccogliere un buon successo di vendita (che l’annunciato sbarco dei primi 3 mila esemplari di 500 L, costruiti nello stabilimento serbo di Kragujeva, pare destinato ad incrementare ulteriormente) e che Fiat oltre ai marchi Chrysler e al mercato Nordamericano può contare come minimo sulle robuste vendite in Brasile. Così è probabile che alla fine prevalga una valutazione “mediana”, attorno ai 3,2 miliardi di dollari (pari a 7,7 miliardi di dollari per il 100% di Chryler, ossia attorno ai 5,8-5,9 miliardi di euro), che implicherebbe una valutazione (positiva) di Fiat di 800-1000 milioni di euro in termini di capitalizzazione.

Tags:
fiatvebachrysler
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.