A- A+
Economia

 

marchionne

Fiat-Chrysler, tempi più lunghi. Il titolo del Lingotto viaggia sottotono a Piazza Affari, dove il titolo perde circa mezzo punto oscillando sulla soglia dei 6 euro per azione dopo la vittoria parziale ottenuta negli States, dove il giudice del Delaware, Donald Parsons, ha accettato alcune posizioni della società italiana in due dispute con Veba, il fondo pensione del sindacato Uaw azionista di minoranza di Chrysler, ritenendo però prematuro ordinare a Veba stesso di consegnare 54.154 azioni Chrysler a Fiat per 139,7 milioni di dollari, come aveva chiesto Fiat.

Il giudice si è infatti limitato a stabilire che il gruppo italiano "ha diritto di acquistare una parte della partecipazione Veba in più tranche, ad un prezzo da determinarsi secondo una formula predefinita", aggiungendo però di aver bisogno di più prove prima di poter decidere quanto Fiat debba pagare per le azioni Chrysler, un verdetto che rischia di allungare i tempi della fusione tra i due gruppi e la successiva Ipo di Chrysler a Wall Street.

Il bicchiere è dunque mezzo pieno o mezzo vuoto a seconda di come si vuole vederlo: il gruppo torinese in una nota sottolinea come "la Corte del Delaware ha accolto, senza ulteriore istruttoria, le domande di Fiat su due delle questioni più rilevanti della causa. La Corte ha anche rigettato, nella loro interezza, le contrapposte richieste di Veba di pronuncia senza istruttoria, ivi inclusa quella secondo cui Veba non potrebbe vendere la sua partecipazione in Chrysler al prezzo risultante dal Call Option Agreement a causa dei divieti contenuti nelle Department of Labor's Prohibited Transaction provisions".

Torino ora auspica "che attraverso l'istruttoria richiesta dalla Corte possano essere presto risolte le poche questioni ancora aperte nel contenzioso e continua ad avere fiducia nel fatto che anche tali residue questioni saranno risolte in suo favore". L'agenzia Bloomberg, al contrario, nota come Fiat "non sia riuscita a convincere il giudice per impostare il valore di alcune azioni di Chrysler Group Llc ora di proprietà di un fondo di assistenza sanitaria dei sindacati, cosa che ritarda il piano per integrare le due società" che prevede l'acquisizione da parte del gruppo italiano di tutte le 676.000 azioni (pari al 41,5% di Chrysler) tuttora detenute da Veba e che appare centrale per trasformare "le due case automobilistiche regionali in un produttore automobilistico globale".

Tags:
fiatmarchionneveba

i più visti

casa, immobiliare
motori
Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.