A- A+
Economia
marchionne

Salire al 100% di Chrysler e debuttare a Wall Steet con la nuova societa' nata dalla fusione. Sarebbe questa, secondo il Wall Street Journal, la nuova strategia della Fiat, che oggi ha chiuso a Piazza Affari con un progresso del 2,53%.

"Fiat sta valutando un piano per acquisire la quota di Chrysler che non possiede e poi lanciare" un'Ipo negli Stati Uniti "della nuova societa'", scrive il giornale americano. Si tratterebbe di un cambio di direzione da parte dell'amministratore delegato Sergio Marchionne che aveva detto di voler evitare la quotazione.

Marchionne ha più volte ribadito che Fiat è in grado di acquistare la quota di Chrysler non ancora in suo possesso, e il Lingotto e il Veba - il fondo che fa capo al Uaw, il sindacato dei metalmeccanici - sono nel "mezzo di una disputa sul valore della quota" della casa automobilistica americana. Il risultato della battaglia legale in corso determinerà il prezzo che Fiat dovrà pagare per l'acquisto della restante quota di Chrysler.

"È possibile che l'azienda non raggiunga un accordo con il sindacato" afferma il Wall Street Journal. Chrysler, che ha fatto richiesta della bancarotta assistita nel 2009, non è quotata dal 2007, quando la tedesca Daimler l'aveva venduta a Cerberus.

Il fondo Veba è azionista della società con una quota del 41,5% e da mesi vuole uscire dall'investimento. Sulla valutazione della quota però non è mai stato trovato un accordo sul prezzo. Il fondo dei lavoratori valuta Chrysler 10 miliardi, mentre per Fiat prima valeva poco più di 4 miliardi, ora circa 6 miliardi

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fiatsergio marchionnechrysler
i più visti
in evidenza
Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

Scatti d'Affari

Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte


casa, immobiliare
motori
Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico

Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.