A- A+
Economia
Fiat, non sarà superata la soglia di recesso: va avanti la fusione con Chrysler

La fusione con Chrysler va avanti e il titolo Fiat ne beneficia. Il timore che un buon numero di azionisti esercitasse il cosiddetto "recesso" di fronte al progetto di fusione con Chrysler, approvato dall'assemblea straordinaria di inizio agosto, è scongiurato. Il Lingotto aveva fissato un limite di 500 milioni di euro da spendere per ripagare gli azionisti che avessero chiesto di recedere, consegnando l'azione Fiat a fronte di un rimborso di 7,727 euro. Qualora fossero arrivate molte richieste, e si fosse superato quel budget stanziato dal managment, sarebbe scattata una clausola che avrebbe decretato lo stop alla fusione con Chrysler e al trasferimento della sede legale in Olanda.

Oggi Fiat ha appunto annunciato che tale limite non è stato toccato, sulla base delle comunicazioni (di recesso) e delle certificazioni (del possesso delle azioni per le quali si chiede il recesso) ricevute finora. I dati ufficiali sono attesi per il 4 settembre, quando gli intermediari avranno completato il processo burocratico. In ogni caso, "Fiat ritiene inoltre che anche se tutte le comunicazioni e conferme ancora da abbinare fossero abbinate, il numero massimo di azioni per le quali il diritto di recesso è stato validamente esercitato comporterebbe una esposizione complessiva inferiore al limite" di 500 milioni. In quattro parole: la fusione si farà. Per le azioni oggetto di recesso si prospetta ora la loro ri-offerta sul mercato e - in seconda battuta - il riacquisto da parte di Fca e il loro annullamento.

 

Tags:
fiatchrysler

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.