A- A+
Economia

Quer pasticciaccio brutto della Farnesina è un duro colpo per la diplomazia italiana. I Marò sono tornati a Nuova Dehli. Dopo la rottura, il governo Monti ha ricucito lo strappo rimediando una figuraccia. "E' un bene per entrambi i Paesi", ha detto il ministro degli esteri indiano. Due sgarri nel giro di poche settimane sarebbero stati troppi: dopo l'affaire Finmeccanica, il governo indiano aveva ritirato la carta di credito e bloccato la commessa da 560 milioni per l'acquiasto di 12 elicotteri della Agusta Westland.

L'Italia, da partner fidato, si era ritrovata nella black list di un Paese che di Italiano ha pure la guida carismatica, Sonia Gandhi, nata in provincia di Vicenza. Una batosta che poteva chiudere l'accesso a quel tesoro di mille miliardi che il governo indiano ha stanziato per il progresso delle infrastrutture dal 2012 al 2017. Un forziere su cui già le imprese italiane stavano pensando di mettere le mani. Non si sputa sui miliardi, specie in tempo di crisi.    

Sarà una coincidenza, ma proprio nelle ore in cui il nostro governo stava apponendo i timbri per rispedire all'estero i due militari, lo stesso ministro della Difesa indiano che aveva messo all'indice le imprese italiane dopo l'arresto di Giuseppe Orsi ha annunciato la chiusura di una commessa da 300 milioni. Con chi? Con la Wass, azienda livornese controllata dalla reietta Finmeccanica. Pace fatta. 

twitter @paolofiore

Tags:
finmeccanicamaròindia

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.