A- A+
Economia
Le percentuali di ricarico vanno accertate con autorevolezza

di Avv. Matteo Sances

Se l’Ufficio delle Entrate verifica l’attività dell’impresa prescindendo dalla contabilità aziendale – perché ad esempio ritenuta irregolare – i nuovi ricavi accertati devono essere “ragionevoli” e “verosimili”.
Secondo una recente sentenza della Commissione Tributaria Regionale della Lombardia, infatti, non è corretta l’operazione dell’Agenzia delle Entrate consistente nell’applicazione di un’unica percentuale di ricarico sull’intero campione delle merci analizzate (sentenza n.4053/2014).
Nel caso di specie, dunque, l’attività del contribuente riguardava la vendita di capi di abbigliamento e l’Ufficio delle Entrate si ostinava ad applicare su tutti i beni venduti la stessa percentuale di ricarico nonostante il contribuente avesse provato che la merce più vecchia fosse stata venduta inevitabilmente con margini nettamente più bassi rispetto alla norma.
Ebbene, i giudici ricordano che il Fisco non può basarsi su rigidi automatismi ma deve sempre proporre un quadro costruttivo quanto più ragionevole possibile.
Sul punto è doveroso ricordare che anche per la Suprema Corte la vendita di beni da parte di un’impresa a prezzi inferiori alla norma non può portare necessariamente ad un accertamento fiscale ma deve essere valutata attentamente dal Fisco la realtà aziendale (sentenza della Corte di Cassazione n.16695 del 3 luglio 2013, liberamente visibile sul sito www.studiolegalesances.it – sezione Documenti).
La mancata considerazione della realtà aziendale da parte dell’Ufficio delle Entrate, dunque, comporta inevitabilmente la nullità dell’accertamento fiscale.
 

www.centrostudisances.it
www.studiolegalesances.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fiscopercentuali di ricaricotasse
i più visti
in evidenza
Barak, nuovo crack della serie A Milan in pole. Ma la Juventus...

Calciomercato

Barak, nuovo crack della serie A
Milan in pole. Ma la Juventus...


casa, immobiliare
motori
Mercedes Classe G e GLE: nel 2021 le più vendute del proprio segmento

Mercedes Classe G e GLE: nel 2021 le più vendute del proprio segmento

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.