A- A+
Economia

Migliorera' al 2,7% il rapporto deficit/Pil italiano nel 2014, secondo il Fondo monetario internazionale che per il prossimo anno prevede un ulteriore discesa all'1,8%. Le stime sono sostanzialmente in linea con quelle contenute nel Def, che fissa l'indebitamento per quest'anno al 2,6%. Il livello del debito italiano viene previsto al 134,5% del Pil quest'anno e al 133,1% il prossimo.

Le stime sono contenute nel Fiscal Monitor che non contempla le recenti misure fiscali "annunciate dal nuovo governo solo dopo la finalizzazione delle proiezioni Weo e che pertanto non sono incluse in questi dati", precisano gli economisti di Washington. Il debito italiano restera' invece ancorato sopra il 120% almeno fino al 2019, guadagnandosi la maglia nera tra i Paesi emergenti, dopo Giappone e Grecia. Sul fronte del deficit, il passo verso l'azzeramento appare piu' accentuato con uno 0,2% del Pil nel 2018 e nel 2019.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fmideficitgoverno renzi
i più visti
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche


casa, immobiliare
motori
Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar

Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.