A- A+
Economia
Ezio Lattanzio presidente Confindustria  Assoconsult

Spending review e riforma della pubblica amministrazione mettono a rischio ogni giorno la maggioranza di Governo e creano scontri tra gli organi dello Stato. Basti pensare alle polemiche sulla soppressione dell’Imu sulla prima casa e sul rinvio dell’innalzamento di un punto percentuale dell’Iva.

Dall’altra parte, in tema di riforma della PA, il Governo ribadisce la chiusura, che sembrava slittasse di un anno, dei piccoli tribunali e delle sedi distaccate (attualmente confermata per il 13 settembre) e persiste nella volontà di abolire le Province attraverso una legge di modifica costituzionale dopo la bocciatura da parte della Consulta del decreto che conteneva il provvedimento di eliminazione. La recente norma del Consiglio dei ministri che “svuota” le Provincie di poteri, conferma tale intento. Confindustria Assoconsult, l’associazione che rappresenta le più significative imprese di consulenza in Italia, indica nell’utilizzo dei Fondi strutturali europei una chiave di volta per uscire dall’impasse, ricordando, dati alla mano, come l’Italia stia sprecando una grande opportunità.

Il ministro della Coesione territoriale, Carlo Trigilia, ha di recente affermato in Parlamento che l’Italia deve spendere 30 miliardi entro il 31 dicembre 2015, che altrimenti sarebbero trattenuti e ridistribuiti da Bruxelles. Questi 30 miliardi sono costituiti da circa 17 miliardi di euro di fondi europei assegnati all’Italia e da 13 miliardi di cofinanziamenti nazionali. E’ quanto rimane dei 49,5 miliardi di euro dei fondi strutturali europei per il 2007-2013 destinati al nostro Paese. E’ importante ricordare che questi finanziamenti vanno attribuiti entro la fine dell’anno, poi ci sarà tempo fino al 2015 per spenderli. Finora l’Italia ha speso il 40,27% di quanto poteva, ben sotto la media europea che si aggira attorno al 51%. Solo la Romania (26,20% speso) e la Bulgaria (40%) fanno peggio di noi. L’Italia è terz’ultima in questa speciale classifica, superata da Francia (52,97%), Belgio (55%), Spagna (58,82%), Germania (60,82%), Lituania (70,83%), quest’ultima prima della graduatoria. (Fonte: Commissione Europea - Direzione Generale Politiche Regionali).

"Lo Stato – sostiene Ezio Lattanzio, presidente Confindustria Assoconsult – non ha più soldi da spendere. L’utilizzo dei fondi europei è un possibile volano per l’economia, per progetti di riforme e sviluppo del Paese. Il fatto che i fondi abbiano una durata di sette anni, una durata di medio termine, dà anche un metodo alle riforme. Per il periodo 2007-2013, l’Ue ha stanziato complessivamente 347 miliardi, cifra che arriva 700 miliardi se si considera il cofinanziamento da parte di Stati e Regioni. L’Europa chiede metodo e programmazione, e la consulenza organizzata può essere un valido supporto.  Prepariamoci ad affrontare la programmazione 2014-2020, con fondi complessivi per 60 miliardi assegnati all’Italia".

"Una riforma della giustizia, se guidata dalla consulenza organizzata – continua Ezio Lattanzio - porta vantaggi come dimostrano numerosi casi, a partire dal modello matrice di Bolzano, un progetto voluto dall’allora procuratore capo Cuno Tarfusser, che ha dimezzato in un anno le spese del tribunale. Sulla base del risultato altoatesino - che utilizzava 200mila euro della Provincia Autonoma – è nata la Convenzione tra ministero della Giustizia, Dipartimento della Funzione Pubblica e Conferenza delle Regioni, che destina 30 milioni di euro del Fondo Sociale Europeo a iniziative di riforma, in atto in tutte le Regioni, in alcuni casi arrivate già al secondo o terzo intervento. Un esempio positivo di utilizzo dei Fondi strutturali".

 


CONFINDUSTRIA ASSOCONSULT è l'associazione che rappresenta le imprese di consulenza più significative del settore. Aderisce a CONFINDUSTRIA, CONFINDUSTRIA INTELLECT, FEACO Federazioni Europea delle Associazioni di Management Consulting.
A CONFINDUSTRIA ASSOCONSULT aderiscono oltre 400 imprese di consulenza grandi, medie, piccole, che condividono etica, valori e visione. Insieme, partecipano allo sviluppo di iniziative, riunioni tematiche, incontri, scambio di esperienze, gruppi di lavoro, ricerche, network ed eventi per il proprio settore di specializzazione.
Ogni anno, CONFINDUSTRIA ASSOCONSULT in collaborazione con l’Università di Roma Tor Vergata, rende noto i risultati dell’Osservatorio sul mercato della consulenza. Fornisce dati sull’andamento del settore e sulle singole practices della consulenza per sviluppare analisi competitive e misurare il valore creato dalle aziende in termini di fatturato, di impiego di risorse intellettuali, di impatto sull’economia e sulla modernizzazione del Paese.

Tags:
fondi ue
i più visti
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.