BANNER

Il Leone resiste al rischio-declassamento e, nel giorno dell'Investor day londinese, viaggia con un rialzo dell'1,51%, a 16,84 euro per azione.

Il mercato si è fatto convincere dalle parole di Mario Greco, ignorando la minaccia di S&P, che ha posto Generali "sotto osservazione negativa".

Il Ceo promette cedole più consistenti: entro il 2015 i dividendi aumenteranno, in parallelo alla crescita dei risultati. "Dobbiamo ricominciare a remunerare adeguatamente gli azionisti - ha detto Greco - praticheremo una politica di dividendi crescenti nel tempo una volta raggiunti i target di capitale". Quando gli obiettivi saranno acquisiti, "Generali non avrà bisogno di più capitale, avremo due miliardi di euro di cassa disponibile per pagare gli azionisti e investire". L'obiettivo del piano triennale presentato dal Leone è quello di "ottenere rendimenti piu' alti nel breve termine".

Innalzato il target sulla riduzione dei costi a 750 milioni entro il 2015 e a 1 miliardo entro il 2016, di cui il 40% dal business vita e il 60% in quello danni e altre attivià. Ma, assicura Greco, "non c'è alcun programma di ristrutturazione straordinaria del personale in nessun paese".

Generali cambia logo: il Leone si rifà il look

Generali logo

Tra le novità presentate, c'è l'istituzione di "una nuova regola per cui ogni paese deve restituire il 75% del surplus realizzato". Aggiornamento che, nei programmi del Leone, dovrebbe consentire "di avere nella holding liquidità per gli investimenti e per ripagare gli azionisti". La gestione della tesoreria e questo tipo di gestione centralizzata sono attesei 100 milioni di euro di benefici entro il 2015. Nel complesso il gruppo conta di conseguire benefici complessivi per 1,6 miliardi di miglioramenti operativi lordi entro il 2015 e 2 miliardi entro il 2016.

2013-11-27T10:08:06.207+01:002013-11-27T10:08:00+01:00truetrue1066116falsefalse3Economia/economia4130915714662013-11-27T10:08:06.27+01:0010662013-11-27T18:46:32.913+01:000/economia/generali271113false2013-11-27T18:46:35.92+01:00309157it-IT102013-11-27T10:08:00"] }
A- A+
Economia
mario greco

BANNER

Il Leone resiste al rischio-declassamento e, nel giorno dell'Investor day londinese, viaggia con un rialzo dell'1,51%, a 16,84 euro per azione.

Il mercato si è fatto convincere dalle parole di Mario Greco, ignorando la minaccia di S&P, che ha posto Generali "sotto osservazione negativa".

Il Ceo promette cedole più consistenti: entro il 2015 i dividendi aumenteranno, in parallelo alla crescita dei risultati. "Dobbiamo ricominciare a remunerare adeguatamente gli azionisti - ha detto Greco - praticheremo una politica di dividendi crescenti nel tempo una volta raggiunti i target di capitale". Quando gli obiettivi saranno acquisiti, "Generali non avrà bisogno di più capitale, avremo due miliardi di euro di cassa disponibile per pagare gli azionisti e investire". L'obiettivo del piano triennale presentato dal Leone è quello di "ottenere rendimenti piu' alti nel breve termine".

Innalzato il target sulla riduzione dei costi a 750 milioni entro il 2015 e a 1 miliardo entro il 2016, di cui il 40% dal business vita e il 60% in quello danni e altre attivià. Ma, assicura Greco, "non c'è alcun programma di ristrutturazione straordinaria del personale in nessun paese".

Generali cambia logo: il Leone si rifà il look

Generali logo

Tra le novità presentate, c'è l'istituzione di "una nuova regola per cui ogni paese deve restituire il 75% del surplus realizzato". Aggiornamento che, nei programmi del Leone, dovrebbe consentire "di avere nella holding liquidità per gli investimenti e per ripagare gli azionisti". La gestione della tesoreria e questo tipo di gestione centralizzata sono attesei 100 milioni di euro di benefici entro il 2015. Nel complesso il gruppo conta di conseguire benefici complessivi per 1,6 miliardi di miglioramenti operativi lordi entro il 2015 e 2 miliardi entro il 2016.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
generaligrecoassicurazioni
i più visti
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.