A- A+
Economia
Gentiloni: "I 200mld del Pnrr? Nessun merito dell'Italia. Decise un algoritmo"
Paolo Gentiloni e Giuseppe Conte

Insorge il M5S, Patuanelli: "Che tristezza lo sproloquio di Gentiloni, merito di Conte"

Paolo Gentiloni svela tutta la verità sull'assegnazione dei fondi europei del Pnrr. Il commissario all'economia dell'Ue smentisce la tesi del governo Conte sui meriti dell'esecutivo italiano nella trattativa. "Le quote di finanziamento assegnate ai diversi Paesi - dice Gentiloni in un'intervista contenuta nel libro in uscita "Nelle vene di Bruxelles" e lo riporta Il Corriere della Sera - non sono state negoziate dai capi di governo. Sono state ricavate da un algoritmo che è stato tra l’altro ideato e definito da due direttori generali (entrambi olandesi). C’è un po' di retorica italiana sul fatto che abbiamo conquistato un sacco di soldi. Non è vero. L’Italia è il settimo Paese in termini di rapporto tra soldi ricevuti e Pil. Ci sono altri che in termini relativi hanno portato a casa molto di più, dalla Spagna alla Croazia. Sempre grazie all’algoritmo".

Leggi anche: Deficit, Gentiloni: "Procedure forse con la prossima Commissione Ue"

Non ci fu quindi - prosegue Il Corriere - alcun negoziato, nel luglio 2020, per stabilire le quote dei 750 miliardi di euro del Recovery Fund da assegnare ai singoli Paesi dell’Unione europea. A decidere la distribuzione del fondo, che per l’Italia è valsa oltre 200 miliardi di euro, fu un algoritmo messo a punto da due alti funzionari della Commissione. La formula digitale si basava su criteri come il numero delle vittime da Covid-19 e i danni provocati all’economia dalla crisi pandemica.

La notizia smonta in buona parte la narrazione dell’ex premier Giuseppe Conte, che ha sempre rivendicato il merito di aver assicurato all’Italia "un sacco di soldi". In realtà un negoziato, anche duro, ci fu. Ma fu sulla divisione tra aiuti a fondo perduto e prestiti e sulla governance. I Paesi frugali, l’Olanda in testa, - conclude Il Corriere - avrebbero infatti voluto quasi tutti prestiti e soprattutto chiedevano di mantenere un diritto di veto finale sul rilascio delle varie tranche, imponendo una decisione del Consiglio europeo per ognuna di queste. Tentativo, quest’ultimo, sventato dalla tenacia e dall’abilità della nostra diplomazia.

Ue: M5s, eredita' Conte Pnrr; da Gentiloni Patto stabilita' - "In un goffo tentativo di riscrivere la storia l'esponente del Pd Paolo Gentiloni, nominato Commissario europeo proprio da Giuseppe Conte, attribuisce a un algoritmo i meriti dell'assegnazione del Pnrr. Forse qualcuno avra' presto nostalgia dell'Europa dei burocrati e della tecnocrazia, ma tutti gli italiani ricordano che senza la determinazione politica di Giuseppe Conte i Paesi frugali, Germania compresa, non avrebbero mai accettato l'emissione di debito comune". Lo afferma in una nota Mario Furore, europarlamentare del Movimento 5 stelle. "A qualcuno fara' male, ma la verita' e' che Conte ha ottenuto in sede di Consiglio il via libera al Next Generation Eu, e per questo verra' ricordato, Paolo Gentiloni ha proposto la riforma del Patto di stabilita' votata poi in Consiglio dal governo Meloni e da tutti i falchi dell'austerity. Non tutte le eredita' sono le stesse", aggiunge l'eurodeputato.

Pnrr: Patuanelli (M5s), che tristezza sproloquio Gentiloni - "Ricordo ancora, e porto nel cuore, le parole di David Sassoli. Un grande italiano, un grande europeo e un grande politico. Mi spiace vedere la sciatteria con cui un Commissario liquida quella stagione, peraltro sproloquiando alla fine del suo mandato e alla vigilia di una competizione europea. Solo per danneggiare un'altra forza politica. Che tristezza". Cosi' il capogruppo M5s al Senato, Stefano Patuanelli, commentando le dichiarazioni di Paolo Gentiloni sul Pnrr.






in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


motori
Ford Mustang GTD: potenza estrema e design racing a Le Mans

Ford Mustang GTD: potenza estrema e design racing a Le Mans

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.