A- A+
Economia
Eurogruppo, accordo sulla Grecia. Gli aiuti ad Atene prorogati di 4 mesi

L'Eurogruppo a Bruxelles si conclude con una fumata bianca. La Grecia ottiene lo sblocco del prestito europeo con un'estensione di quattro mesi, ma gli aiuti saranno vincolati alle misure che realizzerà e che, per una prima parte, dovrà presentare già lunedì. Le istituzioni (Troika) valuteranno se sono sufficienti e solo dopo la verifica - si legge nel testo dell'accordo - ci sarà l'esborso del prestito.

"Il prolungamento degli aiuti è un piccolo passo verso una nuova direzione", ha commentato il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis. "Siamo tutti vincitori. E' un grande passo avanti per l'Europa", ha detto invece il nostro titolare dell'Economia, Pier Carlo Padoan. Per il direttore del Fmi Christine Lagarde il testo dell'accordo "è molto profondo, denso e dice cose importanti per ognuno, quindi è pienamente onnicomprensivo". E ha concluso: "Siamo molto lieti che il lavoro possa ora realmente cominciare". E anche il ministro delle Finanze francese Pierre Moscovici ha scritto su Twitter un beneaugurante: "Si procede, si procede, si procede".

In sintesi, l'intesa viaggia su quattro punti: estensione dell'attuale programma di aiuti per 4 mesi, completamento con successo della valutazione delle misure prima del nuovo esborso di aiuti, elenco delle riforme entro lunedì e rispetto degli impegni presi. In pratica la Grecia si è impegnata, una volta concordate le misure, ad astenersi dal ritirarle o modificarle unilateralmente se queste avranno un impatto sul bilancio.

Il premier greco, Alexis Tsipras, si diceva "certo" che la richiesta di un'estensione degli aiuti sarebbe stata accettata, malgrado le obiezioni tedesche, e invitava tutti a sottoscrivere una "storica decisione politica". "La Grecia - sostiene Tsipras - ha fatto tutto il possibile per arrivare a una soluzione comune e positiva, basata sul principio di un doppio rispetto: quello delle regole europee e quello dei risultati elettorali degli stati membri". "Questo è il momento di una storica decisione politica per il futuro dell'Europa".

Sullo sfondo per tutta la giornata è continuato il lavoro delle diplomazie. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha avuto un colloquio telefonico con la Cancelliera tedesca Angela Merkel. La Germania è sempre rimasta ferma sulle proprie posizioni, nononstante i passi in avanti della Grecia. Il portavoce di Angela Merkel aveva ribadito: "Quello che nella sostanza è stato formulato nella lettera di Atene non è sufficiente, e su questo il governo tedesco è unito". Per trovare un'intesa Grecia e Germania si sono incontrate, alla presenza del direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, prima dell'Eurogruppo.

Più duro era stato l'intervento del presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, che aveva definito  "vaga" e "del tutto diversa a seconda del periodo e del destinatario" la lettera greca, accusata anche dal giornale tedesco Build di essere giunta a Bruxelles in una versione ritoccata dal ministro delle finanze Varoufakis, dopo quanto avevano concordato Tsipras, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e Dijsselbloem.

Tags:
greciaeuropavaroufakistsiprasmerkelatene

i più visti

casa, immobiliare
motori
Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.