A- A+
Economia
Green Pass anche per i fondi del Pnrr: il governo contrasti le imprese zombie

In vista dell’arrivo dei cospicui  fondi europei per importanti investimenti sul suolo italico, il governo Italiano, nell’ottica di una nuova efficienza e trasparenza governativa, visti anche tutti i ministeri coinvolti, pretende altrettanta efficienza trasparenza affidabilità dalmercato e dalle aziende italiane, pronte ad eseguire i progetti diretti dal Presidente del Consiglio Mario Draghi.

Il rischio di finanziare e appaltare o subappaltare lavori ad azienda già in una situazione di rischio fallimento può essere alta, per questo il Governo con il Ministro dello Sviluppo Economico Giorgetti studia come evitare seri grattacapi a Draghi.  

Si pensa di obbligare le aziende interessate ai futuri appalti Pnrr di fornire debita certificazione di sana e robusta costituzione, di piena salute insomma e senza gravi rischi di insuccesso. Si ipotizza il rafforzamento dello strumento del decreto Legislativo 231/01 che ha introdotto un regime di responsabilità per le società che le tutela dal rischio di incorrere nei ben oltre 170 singoli reati previsti dal DL e anticipare l’obbligo del Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza” (Decreto Legislativo 12 gennaio 2019, n. 14), che consente una diagnosi precoce dello stato di difficoltà delle imprese. Inoltre sono allo studio Pagelle di merito aziendale con rating specifici per ogni settore . 

Come per il genere umano prevenire è meglio che curare anche per le aziende con appropriate e periodiche analisi del sangue, magari da una seria e preventiva  analisi della gestione e dei conti aziendali è possibile intravedere degli indicatori di salute e solidità che possono  certificare costantemente la sana e robustezza costituzione per affrontare la competitività dei progetti Pnrr indicati dal Governo .

Draghi ha sempre sostenuto che il governo dovrà proteggere tutti i lavoratori, ma sarebbe un errore proteggere indifferentemente tutte le attività economiche in modo generalizzato. I policy makers dovranno scegliere come collocare ingenti risorse e quali imprese favorire e, fra queste, non andrebbero agevolate le “imprese zombie”. 

Sono così definite le imprese non più in grado di coprire i costi da porre al servizio del debito con i profitti correnti e che, pertanto, dipendono dai creditori (privati o pubblici, a cominciare dal fisco) e dai termini ampi di pagamento che questi possano concedere. Il termine “imprese zombie” era stato coniato per indicare le imprese sostenute dalle banche giapponesi durante il cosiddetto “Decennio perduto”, il periodo successivo al crollo della bolla dei prezzi del 2001.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    green pass impresegreen pass pnrrgreen pass recovery
    i più visti

    casa, immobiliare
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.