A- A+
Economia
Il governo fa pagare l'Imu agli agricoltori. Monta la protesta

Ieri la grande manifestazione degli agricoltori arrivati da tutta Italia, assieme a amministratori locali e rappresentanti delle associazioni del comparto agricoltura, che gridavano il loro 'No all'Imu Agricola'.

La protesta nel giorno in cui il ddl di conversione del decreto-legge recante 'misure urgenti in materia di esenzione Imu' è approdato in Aula alla Camera. "Protestiamo contro quella che è una vera e propria patrimoniale sui possedimenti agricoli" spiegano alcuni agricoltori arrivati dalla Lombardia. "Ci stanno mettendo in ginocchio, ci vogliono affossare - aggiungono - Che almeno l'Italia sappia cosa stanno facendo agli agricoltori e al made in Italy".

"L'imposizione di nuove e pesanti tasse è diventata l'attivita' quotidiana di Renzi e del suo governo. Oggi con l'Imu sui terreni agricoli si infierisce con un colpo mortale su un settore trainante della nostra economia, che in questi anni sta soffrendo piu' di altri la crisi economica. Gli agricoltori meritano tutto il nostro sostegno contro questa ingiusta e dannosa tassa, che unita all'aumento del costo del gasolio agricolo varato dal governo nella legge di Stabilita' e agli effetti negativi sull'export delle produzioni italiane derivanti dalle sanzioni imposte della Russia, infligge al mondo agricolo un nuovo costo non piu' sopportabile e sostenibile". E Raffaele Fitto ad affermarlo. "Per queste ragioni - prosegue l'eurodeputato FI - alla Camera abbiamo proposto un nostro emendamento per sopprimere l'Imu sui terreni agricoli ma se dovesse essere ciecamente respinto dalla maggioranza di sinistra siamo pronti a mettere in atto, insieme a tutti gli agricoltori e ai sindaci, una class action per difendere i produttori e i lavoratori di questo settore a cui bisognerebbe offrire semplificazioni burocratiche e aiuti economici, non nuove tasse!".

 "Sono al fianco degli imprenditori agricoli e dei coltivatori diretti che oggi hanno manifestato davanti a Montecitorio contro la tassa ingiusta e inaccettabile dell'Imu agricola introdotta dal governo Renzi. Si tratta di una vera e propria patrimoniale che pesa sulle spalle di un settore gia' piegato dalla crisi e che in Regioni a vocazione agricola, come anche la Calabria, rappresenta un colpo troppo grande all'economia. Ci batteremo in ogni sede, nelle Commissioni e in Aula, per ripristinare, anche inserendo la norma in altri provvedimenti, l'esenzione totale dell'Imu agricola". E' quanto dichiara il deputato Giuseppe Galati, vice coordinatore di Forza Italia in Calabria.

 "La nostra contrarieta' all'introduzione dell'Imu agricola l'abbiamo messa nero su bianco, e non e' la prima volta, in un emendamento del Gruppo che abbiamo ripresentato in Aula". Lo dichiara la capogruppo di Area Popolare (Ncd-Udc) Nunzia De Girolamo. "Perche' noi stiamo dalla parte degli agricoltori, consapevoli che questa patrimoniale mascherata e' un'ingiustizia alla quale dobbiamo ribellarci. Mi auguro che tutte le forze politiche usino il buon senso e diano un segnale molto importante all'intero settore agricolo che rappresenta un volano economico per tutto il Paese e non merita di essere mortificato", aggiunge.

Tags:
imuterreni agricolirenzigovernofittopuglia
S
i più visti
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente


casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.