A- A+
Economia
Il maxi-aumento di stipendio di Orcel “sabotato” da Fideuram (e non solo)
Andrea Orcel

Orcel, ecco chi ha “sabotato” il maxi-aumento di stipendio

Alla fine Andrea Orcel ha ottenuto il maxi-aumento di stipendio (fino a un massimo del 30% al raggiungimento di determinati obiettivi). Voci vicine a Piazza Gae Aulenti fanno notare che è vero che il manager potrebbe sfiorare quota 10 milioni di euro all’anno, ma solo se otterrà determinati target che sono stati innalzati. Tradotto: più soldi ma anche ostacoli in più. Anche perché dopo il bilancio record appena approvato migliorarsi sarà davvero complesso. Vero, l’incremento dei tassi della Bce che potrebbe arrivare fino al 4% è un toccasana per i conti delle banche.

Ma poco prima dell’assemblea che ha dato il via libera all’incremento dello stipendio di Orcel, i proxy advisor – cioè quei soggetti deputati a consigliare i fondi sui voti da esprimere nelle assise – avevano sconsigliato una mossa di questo tipo. E il provvedimento è sì passato, ma con “solo” il 69% del capitale presente. Per dire, il via libera al bilancio ha ricevuto un ok con il 98,7%.

Come fa notare Milano Finanza, tra coloro che hanno votato contro all’aumento di stipendio di Orcel ci sono Fideuram, la divisione di private banking di Intesa Sanpaolo; Lazard, i fondi di Goldman Sachs, Invesco, Bbva, Santander (banca con cui l’amministratore delegato di Unicredit ha un contenzioso legale in atto), Nordea, Ubs Lux Fund e Zurich Life Assurance. Sulla politica di remunerazione si sono invece astenuti tra gli altri la Fondazione Cassamarca, Generali Italia e diversi fondi di Allianz, che pure di Unicredit è un partner storico. Ora Orcel ha un solo obiettivo: dimostrare che il “no” al suo aumento di stipendio era immotivato.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fideuramorceunicredit





in evidenza
William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa

Forti tensioni a Palazzo

William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa


motori
My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.