A- A+
Economia
Immatricolazioni di nuovo in frenata. Federauto: "Nessuna ripresa"

Si inverte la tendenza per il mercato dell'auto: a maggio le immatricolazioni, 131.602 unita', hanno fatto registrare un calo del 3,83% rispetto a maggio 2013. Secondo i dati della Motorizzazione Civile, va giu' anche l'usato (-9,99%).

A maggio 2013 - si legge nella nota del Ministero dei Trasporti - furono immatricolate 136.850 autovetture. Nel mese di aprile 2014 ne sono state invece immatricolate 119.548, con una variazione di +2,32% rispetto ad aprile 2013, quando ne furono immatricolate 116.838. I trasferimenti di proprieta' di auto usate sono stati 349.883 contro i 388.727 di maggio 2013. Nel mese di aprile 2014 sono stati invece registrati 357.966 trasferimenti di proprieta' di auto usate, con una variazione di +5,12% rispetto ad aprile 2013, durante il quale ne furono registrati 340.515. Nel mese di maggio 2014 il volume globale delle vendite (481.485 autovetture) ha dunque interessato per il 27,33% auto nuove e per il 72,67% auto usate.

La quota di mercato di Fiat-Chrysler in Italia e' scesa al 27,9% dal 30,2% del maggio 2013. I marchi di Fiat Group Automobiles (escludendo Ferrari e Maserati) totalizzano 36.720 immatricolazioni a maggio (-11%) e 177.323 immatricolazioni (-1,3%) nei primi cinque mesi dell'anno. Segno positivo, a maggio, per i marchi Jeep (+70,5%) e Maserati (+600%). Nel dettaglio, spiegano al Lingotto, Fiat Chrysler Automobiles "ha immatricolato in maggio 36.700 vetture, l'11 per cento in meno rispetto allo stesso mese del 2013, per una quota del 27,9 per cento (2,3 punti percentuali in meno rispetto a maggio dell'anno scorso)".

"Nel progressivo annuole registrazioni di Fiat Chrysler Automobiles sono state oltre 177 mila, per una quota del 28,2 per cento. Rispetto allo stesso periodo del 2013, i volumi sono calati dell'1,3 per cento e la quota e' scesa di 1,3 punti percentuali".

A far sorridere il Lingotto sono, ancora una volta, i dati provenienti dagli Stati Uniti, dove Chrysler Group LLC ha venduto a maggio negli Stati Uniti 194.421 unita' con un aumento del 17 per cento rispetto alle 166.596 unita' dello stesso periodo nel 2013.

"La cautela con cui abbiamo commentato i modesti rimbalzi positivi dei primi mesi del 2014 trova purtroppo conferma nel dato negativo di maggio che, a nostro avviso, non va letto come un segnale di rallentamento ma come espressione di un mercato in sostanziale stagnazione, nonostante la spinta del noleggio e dei kilometri zero. Quindi, nessuna ripresa o, che dir si voglia, ripresina". Questo il commento a caldo del presidente di Federauto, Filippo Pavan Bernacchi sui dati sulle immatricolazioni. Federauto evidenzia che "la situazione del mercato auto e' dolorosamente coerente con la situazione economica del Paese, certificata dai dati ufficiali sulla flessione del Pil nel primo trimestre dell'anno, dal generalizzato calo dei consumi di tutti i beni, dal consolidamento della crescita dei disoccupati - record negativo dal 1977 - a cui si aggiungono gli effetti perversi della leva fiscale. Questo spiegherebbe perche' gli acquisti di autovetture da parte delle famiglie si mantengono su livelli storicamente minimali e perche' quelli delle aziende non si esprimono a livelli comparabili con gli altri paesi europei". Conclude Pavan Bernacchi: "Dopo essere stati vittime di una autentica aggressione fiscale da parte dei precedenti Governi, ci chiediamo se quello attualmente in carica avra' la volonta' di restituire all'automotive parte delle risorse drenate in questi anni, dando al settore una opportunita' di crescita vera e, nello stesso tempo, di sviluppo per il Paese".

Tags:
immatricolazioniautofiat
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.