A- A+
Economia

Ninete delisting, Impregilo resta a Piazza Affari. Salini,  che dopo l'opa su Impregilo ne detiene complessivamente circa il 92,08% del capitale sociale, ha annunciato che ha deciso entro 90 giorni di "ripristinare un flottante sufficiente ad assicurare il regolare andamento delle negoziazioni delle azioni".

Durante la riapertura dei termini di adesione all'offerta pubblica di acquisto volontaria totalitaria promossa da Salini, si legge nella nota del costruttore romano, sono state apportate all'offerta 22.285.665 azioni pari al 7,89% delle azioni oggetto dell'offerta e al 5,54% del capitale sociale ordinario di Impregilo, per un controvalore complessivo di 89.142.660.

Posto che Salini, precisa la societa', "non ha effettuato acquisti di azioni al di fuori dell'offerta, tenuto conto delle azioni apportate durante la riapertura dei termini, e precedentemente, durante il periodo di adesione (228.213.875 azioni, pari a circa il 56,71% del capitale ordinario di Impregilo e a circa l'80,82% delle azioni oggetto dell'offerta) nonche' di quella gia' detenute da Salini alla data di avvio dell'offerta, "a fronte del pagamento del corrispettivo l'offerente verra' a detenere complessivamente 370.575.589 azioni, pari a circa il 92,08% del capitale sociale di Impregilo. E' quindi confermato che l'offerente verra' a detenere una partecipazione complessiva nel capitale sociale ordinario di Impregilo superiore al 90% e inferiore al 95%".

Quanto all'integrazione di Impregilo e Salini, il progetto non è stato ancora definito ma l'operazione avverra' "appena possibile". Lo ha spiegato il presidente di Impregilo, Claudio Costamagna, nel corso dell'assemblea degli azionisti della societa'. "L'intenzione di Salini - ha detto - e' quella di ripristinare il flottante e scendere sotto il 90%. Sull'integrazione e' ancora tutto allo studio. Non e' deciso come avverra' e vedremo come sara' strutturata nei prossimi mesi. I tempi - ha aggiunto - li stiamo studiando adesso, stiamo iniziando adesso. Avverra' appena possibile, non vogliamo perdere tempo".

La prima assemblea di Impregilo dell'era Salini si tiene a pochi giorni dalla conclusione dell'opa dei costruttori romani, che si sono portati al 92,08% ma hanno annunciato l'intenzione di mantenere il titolo quotato in Borsa. "Il sogno che sta dietro all'integrazione - ha indicato Pietro Salini, a.d. di Impregilo - e' la crescita. Il progetto di Salini era e resta quello di fare una grande societa' italiana. E' allo studio come farla, ma l'integrazione e' sempre piu' chiara. Oggi, a fronte del risultato dell'opa, questo futuro e' molto piu' tracciato".

Tags:
impregilosaliniborsa

i più visti

casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.