A- A+
Economia

 

tasse1

Caos sull'Imu. Il giorno dopo il varo del decreto legge del governo Letta che ha sospeso il pagamento dell'acconto sull'Imu di giugno, si scopre che sono oltre 100.000 i contribuenti che hanno già versato la tassa sulla prima casa, facendo la compensazione sul 730. È quanto risulta infatti dai calcoli della Consulta nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale (Caf).

Per loro, il 730 sarà da rifare entro il 31 maggio, se non vogliono perdere il credito fiscale. Invece, per la seconda casa mancano i codici tributo. I Caf hanno dato infatti ai contribuenti gli F24 per i pagamenti telematici "ma senza codici tributo". Codici che non ci saranno neanche lunedì visto che ci vogliono i tempi tecnici per la pubblicazione del decreto e per i provvedimenti applicativi. Quattro settimane, da oggi al 16 giugno, in cui anche i Caf, spiegano gli esperti, devono organizzarsi e civorrebbero almeno 6-7 giorni aggiuntivi, fino al 25 giugno senza incorrere in sanzioni.

Secondo i tecnici dei Caf, che si augurano che il fisco conceda più tempo senza sanzioni, sono 6-7 milioni i contribuenti che si recheranno ai centri nei prossimi giorni. I tempi per pagare l'Imu dunque sono stretti. Intanto, secondo quanto si è appreso da fonti governative, il presidente del Consiglio Enrico Letta è al lavoro a Palazzo Chigi per ultimare il testo del decreto legge su Imu, Cig, proroga dei precari nella pubblica amministrazione e eliminazione degli stipendi per i ministri parlamentari. Il testo sarà trasmesso al Quirinale per la firma del Capo
dello Stato lunedì prossimo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
caffiscoredditiratetasseimu
i più visti
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro

Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.