A- A+
Economia
Intesa conquista Ubi, opas al 90,21%: oltre 1 trilione di risparmio gestito

Intesa Sanpaolo conquista Ubi Banca al termine dell'offerta pubblica di acquisto e scambio che supera il 90% delle adesioni. L'offerta e' arrivata al 90,21% crescendo negli ultimi due giorni del 20%. "Oggi portiamo a termine un'operazione che ci vede tutti vincitori: grazie alla decisione - di cui siamo orgogliosi - del 90,2% degli azionisti di UBI Banca di entrare a far parte di Intesa Sanpaolo, daremo vita a una nuova realta' in grado di rafforzare il sistema finanziario italiano e di ricoprire un ruolo di leader nello scenario bancario europeo", ha detto il Ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina. 

Dopo 5 mesi dalla presentazione dell'offerta, lanciata a sorpresa dall'ad della Ca' de Sass Carlo Messina il 17 febbraio, dopo che Ubi aveva presentato il nuovo piano industriale, la banca milanese aveva raggiunto e superato il 28 luglio la quota dei 2/3 del capitale che le consentiva di controllare l'assemblea della piu' piccola rivale anche per le operazioni straordinarie. Spianata cosi' la strada per il piano di Intesa, che prevede, per soddisfare le richieste dell'Antitrust, di cedere oltre 500 sportelli a Bper e di creare un gruppo da 5 miliardi di utile al 2022, con sinergie che a regime raggiungeranno i 700 milioni.

I numeri della nuova banca che nascera' sono impressionanti: impieghi per oltre 450 miliardi di euro, risparmio gestito per 1,1 trilioni di euro, ricavi pari a 21 miliardi di euro.

Dopo le resistenze iniziali di una grossa fetta dell'azionariato storico della banca, a partire dai pattisti del Car, che raggruppava circa il 20% del capitale di Ubi, con il rilancio di Messina, che ha aggiunto al concambio da 17 nuove azioni Intesa ogni 10 azioni dell'ex popolare una componente 'cash' da 0,57 euro per azione, il fronte del no si e' sfaldato e le adesioni sono cresciute costantemente. Ora con l'offerta arrivata al 90,21%, si fa piu' vicino il delisting di Ubi Banca che lunedi' presentera' la semestrale.

"Nei prossimi mesi la valorizzazione dei nuovi colleghi provenienti da Ubi sara' per me un aspetto prioritario", ha sottolineato Messina al termine dell'operazione. "Contiamo su di loro per dar vita ad un gruppo, capace di affrontare le nuove sfide in Europa. Ubi e' una banca ben amministrata in termini di qualita' del bilancio e impegno nei confronti dell'economia reale e della sostenibilita', grazie al lavoro svolto dal CdA, dal Consigliere Delegato e dal management".

Sono diverse le tappe necessarie ad arrivare alla fusione dell'ex popolare in Ca' de Sass: la prima sara' l'invio di una lettera da parte di Intesa per chiedere la convocazione dell'assemblea dei soci per la nomina di un consiglio d'amministrazione espressione del nuovo socio di maggioranza. Poi ci sara' l'Assemblea di Ubi Banca che dovrebbe tenersi tra 15 settembre e il 15 ottobre. Prevista a fine anno la cessione di 532 sportelli a Bper, cosi' come stabilito negli accordi gia' sottoscritti. La vendita del ramo d'azienda, secondo quanto stabilito in accordo con l'Antitrust, deve avvenire entro 6 mesi dalla fine dell'operazione.

Ultimo step, ad aprile del 2021, in occasione dell'assemblea per l'approvazione del bilancio, sara' il via libera da parte di Ubi al progetto di fusione in Intesa Sanpaolo. Messina si e' detto poi convinto che "la nostra banca - motore dell'economia reale e sociale - rappresentera' il pilastro della fase di ripresa che il Paese si pone come principale obiettivo". 

Loading...
Commenti
    Tags:
    intesa ubiubi bancabanca intesacarlo messinaintesa sanpaolo
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Incontrada nuda su Vanity Fair "Messaggio per tutte le donne"

    Costume

    Incontrada nuda su Vanity Fair
    "Messaggio per tutte le donne"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Peugeot 5008 ordinabile in Italia

    Nuovo Peugeot 5008 ordinabile in Italia

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.