A- A+
Economia
Intesa, a settembre il trasloco dei primi 300mila clienti a Isybank. Esclusivo

Sta di fatto che l’accelerazione della prima industria creditizia del Paese sul fronte del digital banking costringe gli altri big del mondo bancario ad adeguarsi. Quella di Messina, del resto, è una mossa disrupting, di fronte alla quale i top banker non possono restare inermi. Gli occhi degli addetti ai lavori sono puntati sull’impatto che l‘innovazione tecnologica avrà nelle varie organizzazioni aziendali. Tema che sarà centrale nel rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro dei 280.000 dipendenti degli istituti italiani: il negoziato è partito mercoledì scorso e il 26 luglio è in agenda il secondo appuntamento in Abi, a Roma. 

La prima riunione è stata quasi tutta sbilanciata sul fronte sindacale, con i segretari generali di Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin impegnati a presentare le loro rivendicazioni e in particolare a motivare la richiesta di aumento economico di 435 euro medi mensili da spalmare per tutta la durata del prossimo contratto. Il secondo round, invece, vedrà impegnata sopratutto la compagine dell’Associazione bancaria.

A Ilaria Dalla Riva, presidente del Comitato affari sindacale e del lavoro di Palazzo Altieri, toccherà proporre anzitutto un calendario degli incontri che verosimilmente entreranno nel vivo dopo la pausa estiva. Oltre al cronoprogramma, i rappresentanti delle banche dovrebbero mettere sul tavolo le loro prime indicazioni per il nuovo contratto. Tre i temi che stanno più a cuore ai grandi gruppi bancari: maggiore flessibilità sulla base della dimensione della banca, Orario di lavoro da rimodulare secondo le esigenze organizzative aziendali e riforma degli inquadramenti, partendo dal presupposto che ci sono troppi quadri direttivi. 

All’incontro di mercoledì prossimo, potrebbero arrivare anche primissimi segnali sulla posizione dell’Abi in merito alla richiesta di aumenti economici. La cifra richiesta dai sindacati è stata sostenuta da una dettagliata ricostruzione sugli ultimi 10 anni del settore bancario che il leader Fabi, Lando Sileoni, ha fornito l’altro ieri con numeri e tabelle.

Lo sforzo che dovrà compiere Dalla Riva è trovare una sintesi fra grandi gruppi e piccole banche, quest’ultime un po’ più spaventate per l’impatto sui loro conti. Le distanze, in ogni caso, non sarebbero incolmabili. Da parte dei sindacati sembra esserci la disponibilità a concedere la flessibilità di cui i big hanno bisogno per stare al passo con le innovazioni tecnologiche.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
intesaisybank





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


motori
DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.