A- A+
Economia

L'indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio a febbraio scorso diminuisce dello 0,2% rispetto al mese di gennaio. Nella media del trimestre dicembre 2012-febbraio 2013 l'indice registra una flessione dello 0,7% rispetto ai tre mesi precedenti. Lo rende noto l'Istat. Nel confronto con gennaio 2013, aumentano le vendite di prodotti alimentari (+0,2%) e diminuiscono quelle di prodotti non alimentari (-0,3%). Rispetto a febbraio 2012, l'indice grezzo del totale delle vendite segna una diminuzione del 4,8%, sintesi di un calo del 4,0% delle vendite di prodotti alimentari e del 5,3% di quelle di prodotti non alimentari.

Le vendite per forma distributiva mostrano, nel confronto con il mese di febbraio 2012, una diminuzione sia per la grande distribuzione (-3,5%), sia per le imprese operanti su piccole superfici (-6,0%). Nei primi due mesi del 2013 l'indice grezzo diminuisce del 3,8% rispetto allo stesso periodo del 2012. Le vendite di prodotti alimentari segnano una flessione del 2,9% e quelle di prodotti non alimentari del 4,2%. Nel confronto con il mese di febbraio 2012 l'Istat registra una diminuzione del 3,5% per le vendite delle imprese della grande distribuzione e del 6,0% per quelle delle imprese operanti su piccole superfici. Nella grande distribuzione le vendite diminuiscono, in termini tendenziali, del 3,1% per i prodotti alimentari e del 4,2% per quelli non alimentari. Nelle imprese operanti su piccole superfici le vendite segnano un calo piu' marcato: -6,5% per i prodotti alimentari e -5,8% per quelli non alimentari. A febbraio scorso tra le imprese della grande distribuzione si rilevano diminuzioni tendenziali sia per gli esercizi non specializzati (-3,8%), sia per quelli specializzati ( 1,8%). Nei primi, le vendite degli esercizi a prevalenza alimentare diminuiscono del 3,8% e quelle degli esercizi a prevalenza non alimentare del 3,6%.

Tra gli esercizi non specializzati a prevalenza alimentare, si registra una diminuzione marcata delle vendite sia per gli ipermercati (-5,3%), sia per i supermercati (-3,9%); diminuiscono, seppure in misura decisamente piu' contenuta, anche le vendite per i discount (-0,1%). Con riferimento alla dimensione delle imprese, nel mese di febbraio scorso il valore delle vendite diminuisce, in termini tendenziali, del 6,9% nelle imprese fino a 5 addetti, del 5,2% nelle imprese da 6 a 49 addetti e del 3,3% in quelle con almeno 50 addetti. Per quanto riguarda il valore delle vendite di prodotti non alimentari, a febbraio si registrano variazioni tendenziali negative in tutti i gruppi di prodotti. Le flessioni di maggiore entita' riguardano i gruppi Foto-ottica e pellicole, supporti magnetici, strumenti musicali (-7,7%) e Cartoleria, libri, giornali e riviste (-7,4%); quelle piu' contenute riguardano i gruppi Dotazioni per l'informatica, telecomunicazioni, telefonia (-2,5%) e Prodotti di profumeria, cura della persona (3,5%).

Tags:
istatconsumivendite al dettaglio

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.