A- A+
Economia

di Antonio Galdo
www.nonsprecare.it

Aumenta l'Iva dal 21 al 22 per cento e scatta l'incubo, per i consumatori, dell'aumento dei prezzi. I soliti petrolieri non hanno perso un minuto, e così la benzina é già aumentata di 1,5 centesimi, il diesel di 1,4 centesimi e il gasolio di 0,7 centesimi. Continuando di questo passo, il vero rischio è che la crisi politica si scarichi direttamente sulle tasche delle famiglie, senza eccezione. Una follia. Spinta anche dal soffio della speculazione, che in questi casi è sempre in agguato.

IL CONSIGLIO La benzina con lo sconto: dove sono le pompe bianche

L'aumento dei prezzi, nonostante il ritocco dell'Iva, in realtà non è giustificato. Per diversi motivi. Innanzitutto l'Iva sale solo per alcuni prodotti (aumentano invece le parcelle dei professionisti), pari a circa il 30 per cento dell'offerta complessiva nelle varie categorie merceologiche. Quindi non è giustificato alcun automatismo, dall'Iva alla fettina di carta o alla pasta e alla frutta, per capirci. In secondo luogo i commercianti possono fare uno sforzo per evitare aumenti indiscriminati: è anche nel loro interesse, perché un ritocco dei listini dei prezzi, in questo momento, darebbe un colpo ai consumi e sarebbe dunque controproducente.

L'OPINIONE Imprese italiane in fuga, pronte e scegliere la Svizzera

Non a caso, diverse società della grande distribuzione, a partire da Coop, Esselunga e Ikea, hanno già annunciato che non aumenteranno di un centesimo i listini di tutti i loro prodotti. Un esempio che, auguriamoci, potrà essere seguito a ruota da tanti altri distributori commerciali, mentre le associazioni dei commercianti farebbero bene a raccomandare a tutti i loro iscritti di non aumentare i prezzi per non colpire le famiglie e per non deprimere i consumi. Sarebbe una bella operazione di marketing, utile alle aziende ed ai cittadini.

LEGGI ANCHE Pausa pranzo sempre più cara

Infine, a questo punto si devono accendere i fari delle associazioni dei consumatori. In questi giorni continuano a pubblicare dati sui costi, per ogni famiglia, dell'aumento dell'Iva: una stangata che, secondo le varie associazioni, potrebbe costare da 250 a 340 euro l'anno. Sono costi insostenibili in un momento così critico, e speriamo che siano il frutto di annunci allarmistici. In ogni caso, le associazioni dei consumatori, oltre a lanciare allarmi, farebbero bene a denunciare tutti i casi di eventuali speculazioni. E il noto Mr. Prezzi, cioè l'autorità pubblica di garanzia e di controllo sui prezzi ai consumatori, dovrebbe battere un colpo e dare un senso alla sua esistenza.

Tags:
ivasoldicrisirincari
i più visti
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.