A- A+
Economia
Jobs Act: stretta sulla cassa integrazione. Aumenta il congedo parentale
Segue poi il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, ha dichiarato nel 2014, per quanto riguarda i redditi riferiti al 2013, un imponibile di 189.504 euro. Dichiara poi di possedere due fabbricati (abitazione principale e box) e due terreni a Mordano, in provincia di Bologna. Inoltre, di essere proprietario anche di un'auto (Peugeot 207), un camper (Trigano vdl fd1) e una roulotte (Adria 440 st)

Vanno in soffitta i co.co.pro. Uno dei decreti attuativi del Jobs Act prevede infatti che i contratti di collaborazione a progetto non potranno piu' esserne attivati (quelli gia' in essere potranno proseguire fino alla loro scadenza). Comunque, spiega il comunicato del Consiglio dei Ministri, a partire dal 1. gennaio 2016, ai rapporti di collaborazione personali che si concretizzino in prestazioni di lavoro continuative ed etero-organizzate dal datore di lavoro saranno applicate le norme del lavoro subordinato. Restano salve le collaborazioni regolamentate da accordi collettivi, stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente piu' rappresentative sul piano nazionale, che prevedono discipline specifiche relative al trattamento economico e normativo in ragione delle particolari esigenze produttive ed organizzative del relativo settore e poche altri tipi di collaborazioni.

Obiettivo del Governo e' quello di espandere le tutele del lavoro subordinato: per questo, dal 1. gennaio 2016, scattera' un meccanismo di stabilizzazione dei collaboratori e dei lavoratori autonomi che hanno prestato attivita' lavorativa a favore dell'impresa. Altre novita' riguardano alcune tipologie di contratto come il part-time: il datore di lavoro potra' chiedere al lavoratore un impegno maggiore (non superiore al 25% delle ore lavorate settimanali, con il diritto del lavoratore ad una maggiorazione onnicomprensiva della retribuzione pari al 25 per cento per le ore di cui e' variata la collocazione o prestate in aumento.
  Viene previsto che il lavoratore puo' essere assegnato a qualunque mansione del livello di inquadramento, cosi' com'e' previsto nel lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione purche' rientranti nella medesima categoria e non piu' soltanto a mansioni "equivalenti", a mansioni, cioe', che implicano l'utilizzo della medesima professionalita'. In presenza di processi di ristrutturazione o riorganizzazione aziendale e negli altri casi individuati dai contratti collettivi l'impresa potra' modificare le mansioni di un lavoratore fino ad un livello, senza modificare il suo trattamento economico (salvo trattamenti accessori legati alla specifica modalita' di svolgimento del lavoro). Viene altresi' prevista la possibilita' di accordi individuali, "in sede protetta", tra datore di lavoro e lavoratore che possano prevedere la modifica anche del livello di inquadramento e della retribuzione.

Tags:
jobs actcassa integrazionecongedo parentale
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.