A- A+
Economia
Trema Wall Street: Dimon, il capo di Jp Morgan, ha un cancro alla gola

L'annuncio ha letteralmente fatto tremare Wall Street: Jamie Dimon, il numero uno di Jp Morgan, ha un cancro alla gola. Stiamo parlando del banchiere più famoso del mondo che ha deciso di informare il board della banca e tutti i dipendenti della sua malattia.

Dimon ha scritto una lettera allo staff della piu' grande banca statunitense, spiegando però che "la buona notizia è quella di una prognosi eccellente. Il tumore e' stato preso in tempo ed e' curabile". "Mi sento molto bene - ha aggiuto - e vi faro' sapere se ci sono cambiamenti. Fortunatamente non ci sono altre evidenze cancerogene nel mio corpo".

Secondo quanto rivelano fonti vicine alla banca, JPMorgan ha piani a lunga, media e breve scadenza per la successione

La notizia scuote Wall Street, anche se il titolo di JpMorgan a New York, nelle contrattazioni after hours, scivola appena dello 0,7%.

Tags:
jp morganwall streetjamie dimoncancro
i più visti
in evidenza
"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Affari al Festival dell'Economia

"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani


casa, immobiliare
motori
Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.