A- A+
Economia
dimon

Gli azionisti di JP Morgan Chase hanno respinto la proposta di chi voleva separare il ruolo di cairman da quello di amministratore delegato, sancendo cosi' la vittoria del ceo, Jamie Dimon, che aveva minacciato di dimettersi in caso di scorporo dei due ruoli.

A Tampa in Florida, all'assemblea soci di JP Morgan, solo il 32,2% si e' pronunciato in favore dello scorporo, secondo quanto emerge da una votazione preliminare, che e' indicativa di come intendono orientarsi gli azionisti. - L'assemblea deo soci e' la prima dopo la maxi-perdita da 6,2 miliardi di dollari registrata dalla cosiddetta 'London Whale', la 'Balena di Londra' e cioe' gli uffici londinesi della banca.

La vittoria di Dimon a Tampa e' risultata netta, anche se non si escludono cambiamenti al vertice della banca, dopo che tre membri del board sono stati confermati con percentuali piu' basse degli altri. David Cote ha ricevuto il 59,3% dei voti, James Crown il 57,4% e Ellen Futter il 53,1%, contro il 90% degli altri.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
jp morganjamie dimon
i più visti
in evidenza
CR7-Manchester, divorzio vicino Georgina mostra il pancione

Le foto

CR7-Manchester, divorzio vicino
Georgina mostra il pancione


casa, immobiliare
motori
Stellantis celebra il suo primo anno di successi

Stellantis celebra il suo primo anno di successi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.