A- A+
Economia
La Bce lavora a una valuta digitale. La rivoluzione parte dalla Francia

Un recente sondaggio condotto tra 66 banche centrali dalla Bank for International Settlement mostra che oltre l'80% sta lavorando su valute digitali (Central Bank Digital Currencies) delle banche centrali. La Banca centrale europea è una di queste.

“Dovremmo guardare al futuro e valutare se le banche centrali dovranno fornire al pubblico una qualche forma di valuta digitale. Mentre i pagamenti elettronici stanno già affollando l'uso della liquidità in alcuni paesi, le cui valute sembrano meno attraenti dell'euro, non esiste una tendenza simile a quella della liquidità nell'area dell'euro” ha affermato di recente Yves Mersch, membro del consiglio di amministrazione della BCE e vicepresidente del consiglio di vigilanza della BCE.  Il 76% circa di tutte le transazioni nell'area dell'euro è effettuato in contanti, pari a oltre la metà del valore totale di tutti i pagamenti. La domanda di liquidità nell'area dell'euro supera attualmente il tasso di crescita del PIL nominale. In tempi di crisi, come questo, la domanda di cassa aumenta ancora di più. A metà marzo di quest'anno, l'aumento settimanale del valore delle banconote in circolazione ha quasi raggiunto il picco storico di 19 miliardi di euro. Ecco perché allora il dibattito che si sta aprendo a livello di Banche centrali, prima fra tutte la People’s Bank of China, per l’adozione di una valuta digitale sta proseguendo a ritmi serrati. A questo proposito, la Banque de France è una delle istituzioni più attive nel campo delle valute digitali e delle nuove tecnologie. Durante il suo discorso conclusivo al Forum Francese dei Pagamenti, Denis Beau, primo vice governatore della Banque, si è posto una domanda retorica: a fronte del sempre maggiore successo degli asset digitali (azioni, diritti di voto, accesso a servizi) non varrebbe la pena di emettere una valuta digitale per il pagamento di queste transazioni? Secondo la sua risposta, la Banca di Francia continuerà a sperimentare l’uso di una valuta digitale finalizzata ad operazioni di regolamento all’ingrosso (gross settlement). In questo senso la banca centrale francese ha "completato" con successo il primo test della sua valuta digitale basata su blockchain proprio pochi giorni fa.

Annunciando la notizia, la Banque de France ha dichiarato di aver condotto l'esperimento con il colosso di investment banking Societe Generale, che ha emesso obbligazioni come token di sicurezza e poi le ha regolate in euro digitali. In particolare, Societe Generale ha emesso obbligazioni garantite per un valore di € 40 milioni  come token di sicurezza il 14 maggio, che sono state poi regolate negli euro digitali basati sulla blockchain della banca centrale. "I risultati di questi esperimenti saranno un elemento importante del contributo della Banque de France alla riflessione più globale guidata dall' Eurosistema sull'interesse di un CBDC", ha affermato un portavoce della banca centrale transalpina.

Gran parte del denaro emesso dalle banche centrali è in realtà già digitale, sebbene non chiamato CBDC. Questo è vero per la maggior parte del denaro emesso attraverso le nostre operazioni di credito all'ingrosso con le nostre controparti. Al momento, l'accesso al bilancio della banca centrale offre la possibilità di accedere al denaro della banca centrale digitale.

Ciò che potrebbe cambiare in futuro è l'ambito delle parti idonee ad accedere ai bilanci delle banche centrali. In effetti, questo è uno dei punti focali al centro della discussione sui CBDC, al pari della questione della privacy.

Un CBDC all'ingrosso, limitato a un gruppo limitato di controparti finanziarie, sarebbe sostanzialmente come al solito. Tuttavia, un CBDC al dettaglio, accessibile a tutti, sarebbe un punto di svolta.

La creazione di una valuta digitale centrale richiederebbe una solida base giuridica, in linea con il principio del conferimento ai sensi del diritto dell'UE. Una considerazione chiave qui è se al dettaglio la valuta digitale potrebbe e dovrebbe avere lo stesso corso legale di banconote e monete. In pratica, lo status di corso legale implica che un CBDC dovrebbe essere utilizzabile in qualsiasi luogo e in qualsiasi condizione, possibilmente anche offline. Senza status di corso legale, la base giuridica dovrebbe essere chiarita, così come il rapporto tra moneta digitale e banconote e monete in euro, insieme al processo attraverso il quale uno potrebbe essere scambiato con l'altro.

Un CBDC al dettaglio potrebbe essere basato su token digitali, che circolerebbero in modo decentralizzato - cioè senza un registro centrale - e consentirebbero l'anonimato nei confronti della banca centrale, simile ai contanti. 

In alternativa, un CBDC al dettaglio, potrebbe essere basato su conti di deposito presso la banca centrale. Sebbene coinvolga un gran numero di conti, non sarebbe un'opzione particolarmente innovativa dal punto di vista tecnologico. Per l'area dell'euro, ciò significherebbe sostanzialmente aumentare il numero di conti correnti di deposito offerti da circa diecimila a tra 300 e 500 milioni. Uno strumento di questo tipo di questo tipo consentirebbe alla banca centrale di registrare i trasferimenti tra utenti, fornendo in tal modo protezione contro il riciclaggio di denaro e altri usi illeciti (o quelli considerati illeciti dai sovrani del giorno), a seconda del grado di privacy concesso agli utenti.

Se le famiglie fossero in grado di convertire i depositi bancari commerciali in un CBDC ad un tasso da 1 a 1, potrebbero trovare molto più interessante detenerne uno privo di rischio piuttosto che depositi bancari. Durante una crisi bancaria sistemica, ciò potrebbe innescare corse bancarie digitali di velocità e scala senza precedenti, amplificando gli effetti di tale crisi.

Le banche potrebbero riuscire a rendere i loro depositi più interessanti di quelli delle banche centrali. Potrebbero, ad esempio, fornire servizi aggiuntivi a quelli offerti dalle banche centrali. Tali servizi potrebbero includere il pagamento di fatture o prodotti assicurativi finanziari di cross-selling. Altrimenti - anche in assenza di una crisi - un CBDC prontamente convertibile potrebbe eliminare i depositi bancari, portando alla disintermediazione del settore bancario. Ciò potrebbe avere implicazioni di vasta portata per la struttura del sistema finanziario e per la capacità delle banche centrali di svolgere i loro compiti principali e garantire che la loro politica monetaria sia trasmessa all'economia reale. D’altra parte a proposito di una valuta digitale europea, nel Dicembre 2019,Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione europea, aveva  dichiarato che il suo team aveva in programma di lanciare un sistema di pagamento istantaneo paneuropeo entro la fine del 2021. L'Europa ha già un sistema di pagamento istantaneo chiamato TIPS [Target Instant Payment Settlement], ma il sistema bancario è stato lento ad aderirvi e finora esso non ha certo avuto un impatto significativo. L'Associazione delle banche tedesche, un gruppo di lobby di oltre 200 banche commerciali private, ha anche recentemente chiesto l'euro digitale e una piattaforma comune di pagamenti paneuropea. D’altra parte gli stessi Usa stanno lavorando da tempo ad una loro moneta digitale, nel timore che valute digitali a livello di banche centrali potrebbero minare la centralità del dollaro, come sostenuto anche da un dettagliato report di J.P Morgan a Novembre dello scorso anno "Non esiste un paese che abbia da perdere dal potenziale dirompente della valuta digitale rispetto agli Stati Uniti", hanno scritto. "Ciò ruota principalmente attorno all'egemonia del dollaro USA. L'emissione della valuta di riserva globale e del mezzo di scambio per il commercio internazionale di materie prime, beni e servizi offre immensi vantaggi. " Ma il dado sembra ormai tratto e anche il fatto che la Lagarde, presidente della Bce, sia da sempre favorevole ed assai interessata ad esplorare le possibilità e le potenzialità che potrebbe offrire una valuta digitale, fa immaginare una possibile accelerazione da parte della Bce verso questa soluzione, che la Cina sembra ormai pronta ad adottare, seguita a ruota dagli Usa.

 

vcaccioppoli@gmail.com

Loading...
Commenti
    Tags:
    bce
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    In spiaggia soli? E' pericoloso Più sicuri supermercato e banca

    Coronavirus vissuto con ironia

    In spiaggia soli? E' pericoloso
    Più sicuri supermercato e banca


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Intervista a Fabio Wibmer, Brand Ambassador di Mercedes-Benz Vans

    Intervista a Fabio Wibmer, Brand Ambassador di Mercedes-Benz Vans

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.