A- A+
Economia
La City di Londra scarica Renzi: "Non ha più il vento in poppa"

"A Renzi, come a Silvio Berlusconi, piace presentarsi come il salvatore dell'Italia. I suoi progressi sono maggiori di quelli del suo screditato predecessore. Ma ora deve evitare il populismo e affondare la sua stoccata per mostrare che fa sul serio". Il Financial Times, dopo aver ospitato oltre un anno fa la prima intervista del premier italiano a un giornale straniero, traccia un bilancio dell'attività governativa di Matteo Renzi. Un bilancio che sa di promozione con riserva.

Già, perché se da una parte riconosce dei meriti che hanno consentito al Paese di attivare i preziosi investimenti esteri americani e cinesi, dall'altra sottolinea anche che la ripresa economica, con le conseguenti ricadute sull'occupazione rimane debole ed è frutto soprattutto di condizioni contestuali irripetibili come il quantitative easing della Bce e il cambio euro-dollaro e il prezzo del petrolio schiacciati verso il basso.

"Complice un contesto favorevole", Renzi ha dichiarato "fatte" le riforme del sistema elettorale, del mercato del lavoro, della scuola, delle banche e del sistema giudiziario. "Gli investitori lo hanno notato", scrive il quotidiano finanziario della City. "In 12 mesi gli investimenti esteri in Italia sono quadruplicati, fino a un totale di 19,3 miliardi di dollari a giugno". Da Oriente e Occidente sono affluiti in Italia capitali stranieri, come quelli di BlackRock e della People’s Bank of China

Poi la bacchettata motivata dai deboli numeri dell'economia italiana come dimostrano le stime di crescita di Bankitalia (+0,7% nel 2015 e +1,5% nel 2016) e lo "scarso effetto" del bonus di 80 euro e aggiunge: "Il vento che spingeva Renzi sta scemando", e "i tempi delle riforme continuano a slittare". Quella costituzionale del Senato, della pubblica amministrazione e quella fiscale sono ora "più vulnerabili al compromesso politico". In questa situazione in cui Il Pd inizia a perdere voti a vantaggio delle opposizioni, il Financial Times ricorda come il premier abbia promesso una decisa riduzione delle tasse nel prossimo triennio. Ma "Renzi non può pensare seriamente di andare a Bruxelles chiedendo di portare il deficit al 2,6% del Pil senza un esteso e impopolare taglio alla costosa macchina italiana della pubblica amministrazione", osserva l'autorevole quotodiano londinese.

Tags:
renzifinancial times
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.