A- A+
Economia


 

Lapo Elkann 2

Lapo Elkann, rampollo di casa Agnelli e fondatore del marchio Italian Indipendent, strizza l'occhio a Beppe Grillo. "Alle ultime elezioni ho votato per qualcuno che non mi piace! Voglio vedere il mio Paese risplendere e non mi rassegno alla mediocrità della nostra classe politica, sono un patriota, amo l'Italia", si confessa infatti Lapo, senza peli sulla lingua, nel corso di una lunga intervista-ritratto rilasciata all'autorevole quotidiano francese Le Monde,  ammettendo in sostanza di aver apprezzato le sferzare anticasta del numero uno del Movimento 5 Stelle e di aver votato per lui alle elezioni politiche in Italia.

In un momento di confusione politica e con la crisi economica che sta facendo sprofondare l'Italia, il settimanale definisce l'enfant terrible del "clan Agnelli" un esempio di rinascita.

"Iperattivo e pieno di energia, Lapo, dopo aver contribuito in modo importante al rilancio della Fiat grazie al suo lavoro per la 500, ha saputo superare i momenti difficili rinascendo a nuova vita, e proprio grazie a quell'energia che riversa nel suo progetto, Italian Independent, prende le distanze dall'impero di famiglia creando un marchio che è ormai una realtà nel mondo della moda e del design.

Lapo non vuole fare l'erede  - prosegue Ridet - ma vuole essere apprezzato per le sue capacità e per questo rivendica la propria diversità da Gianni, avendo avviato egli stesso i suoi affari e investendo nelle idee senza usare né il denaro né il potere degli Agnelli".

L'unica nota dolente della sua success story è il lato sentimentale, ma Le Monde sembra voler coccolare questo imprenditore tanto atipico in un'Italia dove i cervelli fuggono: "Lapo si applica anche in questo. Si mostra alla prima della Scala, al Festival di Cannes o allo stadio, ogni volta al braccio di donne sempre più belle e diverse. In pochi mesi si sono susseguite Bianca Brandolini d'Adda, la modella cinese Zhu Zhu e la scultorea donna d'affari kazaka Goga Ashkenazi, ma non ha  ancora trovato la donna con cui sposarsi. Quando parla di sua madre, Lapo pesa le parole, mentre è possibilista riguardo a un suo possibile ritorno in Fiat: 'Dipende dalla proposta, ma prenderei una decisione che rispetti le persone che lavorano con me'".

Dopo un 2012 che lo ha visto fare incetta di riconoscimenti internazionali, dall'Innovation & Design Awards della famosa rivista Traveller di Condé Nast al premio come uomo dell'anno secondo GQ Cina, anche il 2013 si preannuncia promettente con la recente pubblicazione del libro "Le regole del mio stile", nel quale il jet-setter italiano svela i segreti della propria eleganza e del proprio successo. "Un libro - secondo Le Monde Magazine - forse un po' anacronistico in tempo di crisi, ma proprio per questo leggerlo è un must!"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lapogrilloagnellifiat
i più visti
in evidenza
Mentana all'inizio della maratona Il Colle, il voto e l'ironia social

Quirinale/ Rete scatenata

Mentana all'inizio della maratona
Il Colle, il voto e l'ironia social


casa, immobiliare
motori
Mini classica si converte all'elettrico

Mini classica si converte all'elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.