A- A+
Economia
Lavoro, due dipendenti su tre, 8,5 milioni, in attesa di rinnovo

Due lavoratori su tre attendono il rinnovo del contratto. I dati Istat rilevano che alla fine di gennaio la quota dei dipendenti è del 66,2% nel totale dell'economia e del 56,3% nel settore privato. L'attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 24,5 mesi per l'insieme dei dipendenti e di 11,8 mesi per quelli del settore privato. Sempre dai dati Istat, emerge però una piccola buona notizia: sono in aumento a gennaio le retribuzioni contrattuali. Si tratta di un incremento, rispetto a dicembre, dello 0,6% e dell'1,4% in confronto a gennaio 2013.

Con riferimento ai principali macrosettori, a gennaio le retribuzioni contrattuali orarie registrano un incremento tendenziale dell'1,8% per i dipendenti del settore privato e una variazione nulla per quelli della pubblica amministrazione. L'istituto di statistica fa inoltre rilevare che tra il 2011 e il 2013 la caduta della produzione industriale in Italia è risultata più ampia rispetto a quella registrata in molti tra i partner dell'Unione economica e monetaria.

E l'unica slavezza è arirvata dall'export. Nel secondo Rapporto sulla competitività dei settori produttivi, si sottolinea che la Germania è l'unico paese ad avere recuperato quasi pienamente i livelli produttivi precedenti la crisi. Italia e Spagna hanno perso, rispettivamente, quasi un quarto e un terzo del prodotto industriale; Francia e Regno Unito si situano in un ambito intermedio tra questi due poli.

Intanto è già in fermento l'attività di Governo, in vista di una riduzione del cuneo fiscale così come preannunciato dal premier Matteo Renzi. Sarebbero stati individuati i 10 miliardi di risparmi di spesa nel piano d'intervento del commissario straordinario della spending review Carlo Cottarelli, sul tavolo del Ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Buone notizie anche sul fronte finanziario: il rendimento dei Bot a sei mesi e' sceso al minimo storico, e lo spread ha perso quota arrivando ora a 160 punti, al pari dei bonos spagnoli.

Tags:
lvorocontratti

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.