A- A+
Economia
Tutele crescenti, ecco perché non funzionerà

Di Benedetta Cosmi

Il contratto a tutele crescenti per neoassunti non funzionerà. L'emendamento del governo sul lavoro non considera che gli imprenditori hanno paura del domani. Quindi è l'ansia delle tutele future a spaventare.

Paradossalmente sarebbero (e con i somministrati sono) disposti a pagare di più l'oggi quando sanno che proprio serve un lavoro/lavoratore piuttosto che pensare di dover pagare e tenere qualcuno un domani quando il lavoro può essere finito ed incerto.

Allora che fare? Secondo una mia proposta: facilitare l'ingresso e puntare moltissimo sulle agevolazioni per chi è costante e fedele (sia come lavoratore sia come datore di lavoro), in che modo? Con “sgravi su IRPEF a tutela crescente” ovvero … man mano che passano gli anni pagherà sempre meno l’imprenditore che tiene il lavoratore. E sempre di più che è un habitué dell’usa e getta.

Ciò potrebbe scoraggiare quest’ultimi e in caso contrario creare un bel tesoretto di cui beneficerebbero in termini di tasse sul lavoro le altre aziende, quelle che sanno apprezzare i lavoratori, il cosiddetto capitale umano. Non puntano su licenziamenti strategici bensì sulla continuità del lavoro, sull’esperienza da far maturare in azienda, e trasmettere ai più giovani.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lavorojobs actcontratto a tutele crescenti
i più visti
in evidenza
"Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

Esclusiva/ Parla Gianni Russo

"Un film che rimarrà nella storia"
Ennio, intervista al produttore


casa, immobiliare
motori
Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.