A- A+
Economia
Padoan risponde a Bruxelles. Ue: da Italia buona collaborazione

Pier Carlo Padoan ha indicato all'Unione europea le misure aggiuntive con le quali l'Italia conta di correggere il deficit strutturale di circa 0,3 punti percentuali del Pil nel corso del 2015, una mediazione tra lo 0,1% proposto dall'Italia e lo 0,5% chiesto dall'Unione europea. Lo rende noto il Tesoro che ha pubblicato la lettera di risposta a Bruxelles del ministro dell'Economia alle richieste di chiarimento della commissione Ue sul documento programmatico di bilancio 2015 formulate dal vicepresidente Jyrki Katainen. Immediata la replica di Bruxelles: "Bene la collaborazione dell’Italia".

Il ministro ha anche sottolineato come la legge di stabilità dell'Italia per il 2015 ha l'obiettivo di rilanciare l'economia dopo lunghi anni di crisi che sono costati al paese una contrazione del 9% del Pil rispetto al livello del 2008. Uno sforzo di stimolo all'economia che viene effettuato pur mantenendo i conti pubblici sotto controllo (il rapporto deficit/pil resterà infatti anche nel 2015 sotto il 3%) e correggendo il deficit strutturale (appunto di circa tre decimi di pil). E simultaneamente finanziando lo sforzo straordinario di effettuare quelle riforme strutturali lungamente attese - dice il Tesoro - che presentano costi aggiuntivi nel breve periodo.

Nel dettaglio, le misure annuncita da Padoan valgono 4,5 miliardi: 3,3 miliardi presi dal fondo per la riduzione delle tasse; 0,5 miliardi dai fondi per i cofinanziamenti Ue; 0,73 miliardi da un'estensione del regime del reverse charge Iva.

Bruxelles nella sua missiva spiegava che "l'Italia ha pianificato una deviazione significativa dal percorso di avvicinamento all'obiettivo di medio termine (Mto, medium-term budgetary objective) per il 2015". Per di più, il deficit pianificato non aderisce neppure alla regola di riduzione del debito che è un parametro ancora più stringente rispetto all'obiettivo di medio termine. Il riferimento era al fatto che il budget italiano preveda una correzione "solo" dello 0,1% del Pil per quanto riguarda il deficit strutturale (calcolato al netto del ciclo economico negativo). L'obiettivo di pareggio di bilancio strutturale, invece, passa dal 2016 al 2017, slittando così di due anni complessivamente sugli impegni iniziali.

Il ministero dell'Economia ha ricordato all'Ue il piano di privatizzazioni per la riduzione del debito assicurando che lo stock si trova su un "percorso al ribasso": le cessioni di asset proseguiranno a una "media annua dello 0,7% del Pil. Alcuni ritardi, dovuti a condizioni avverse del mercato, saranno riassorbiti nei prossimi mesi". Il ministro poi conclude:  "La composizione del bilancio sosterrà il processo di riforme strutturali, che continuerà con ulteriori aggiustamenti nel mercato del lavoro e nella giustizia civile attesi all'inizio del prossimo anno".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
legge stabilità
i più visti
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


casa, immobiliare
motori
Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.