A- A+
Economia
letta alfano 500


Oltre 5 miliardi (5,6) di riduzione delle tasse per le imprese e 5 da destinare invece ai lavoratori e alle famiglie. Sforbiciata che consentirà al Governo di ridurre la pressione fiscale di un punto in un triennio, dal 44,3% al 43,3%. Spetterà poi al Parlamento e alle parti
sociali 
la decisione su quale sarà il modo migliore per usare le risorse del taglio alle tasse.

E' l'intervento centrale sul cuneo fiscale (dedicato alla crescita) inserito nella legge di stabilità appena varata dal governo, Ddl che vale circa 11,5 miliardi nel 2014 e che Letta invierà a Bruxelles. Manovra da cui a sorpresa spariti, nel reperimento delle coperture, i tagli alla Sanità, circa 2,6 miliardi in meno previsti nelle bozze che avrebbero compromesso, secondo quanto denunciato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin, il funzionamento dei servizi sanitari in almeno 15 Regioni.

saccomanni 500

"Con questa legge di stabilità abbiamo fatto un passo avanti nella giusta direzione. Per la prima volta i conti quadrano senza aumentare tasse e senza fare tagli a sociale e sanità", ha spiegato il premier Enrico Letta nella conferenza stampa di presentazione della ex Finanziaria.

Per quanto riguarda la manovra di bilancio, Letta ha aggiunto poi che il governo metterà in campo una serie di privatizzazioni che porterà una riduzione sia del deficit sia del debito pubblico (arrivato ora a quota 2060 miliardi di euro) per il 2014 (il deficit sarà del 2,5%), il 2015 e il 2016. Rigore dunque rispettato e che in occasione della recente uscita dalla procedura per deficit eccessivo consentirà al nostro Paese di avere a disposizione tre miliardi in più, che sono il "premio" per aver rispettato il 3%. 

Nel triennio la legge di Stabilità vale complessivamente 26,5 miliardi: circa 11,5 miliardi di euro nel 2014, 7,5 miliardi nel 2015 e 7,5 miliardi per il 2016. Sul cuneo fiscale, Letta ha spiegato che la "riduzione delle tasse per le imprese avrà una curva crescente nell'arco del triennio" e che tra gli Interventi per i lavoratori, "c'è anche un incentivo per il passaggio dai contratti a tempo determinato a quelli a tempo indeterminato". "Abbiamo bloccato l'aumento dell'Iva che doveva scattare a gennaio sulle cooperative sociali". "C'è un allentamento del patto di stabilità per i Comuni, da un miliardo di euro. E' un segnale importante nella direzione dello sviluppo, è un allentamento per consentire gli investimenti in conto capitale".

ministero dell'economia

Il 5 per mille verrà rifinanziato, cosi come l'ecobonus e il fondo per le politiche sociali. E a livello locale arriverà la Trise (la nuova tassa che accorperà la vecchia Imu e la Tares), ma che secondo Letta "non sarà una nuova Imu".

Da dove arriveranno le risorse per la ex Finanziaria? "Dall'aggressione dei capitali illegalmente esportati", ha aggiunto Letta. Per il 2014, "il reperimento delle risorse avviene su quattro grandi voci: 3,5 miliardi di tagli alla spesa corrente (3,5 allo Stato e 1 miliardo per le Regioni); 3,2 miliardi da dismissioni immobiliari, revisione del trattamento delle perdite di banche e altri intermediari; un miliardo e 900 milioni da interventi fiscali: 500 milioni da limatura delle spese per tasse, e altri interventi che hanno a che vedere con le attività finanziarie, in particolare l'aliquota di bollo".

Tra le coperture previste, ma non indicate c'è la revisione della contabilizzazione delle quote della Banca d'Italia che daranno risultati tra fine 2013 e inizio dell'anno prossimo: una commissione speciale è al lavoro. Non ci sarà, invece, l'aumento delle tasse sui Bot e sui capital gain, ma un incremento del bollo sulla gestione dei titoli. Nella legge di stabilità si prevede anche lo "stop" a quella che è una "anomalia italiana": alle elezioni si voterà in un giorno solo, di domenica, e non in due. Intervento che consentirà un risparmio per le casse dello Stato di 100 milioni.

 

Tags:
lettatasseimpreselavoratori
i più visti
in evidenza
Ludovica Pagani incanta Cannes Forme mozzafiato e abito Missoni

Il suo look infiamma la Croisette: FOTO

Ludovica Pagani incanta Cannes
Forme mozzafiato e abito Missoni


casa, immobiliare
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.