A- A+
Economia

 

letta 500 4

"Dobbiamo, prima di tutto, avere maggiore fiducia in noi stessi. Uscire da quella cappa di sottovalutazione, autolesionismo, benaltrismo che troppo spesso ci toglie ossigeno. Dimostrare all'Europa e al mondo che non c'è più bisogno che ci si dica di fare i 'compiti a casa'. I sacrifici li abbiamo fatti e li stiamo facendo non perchè ci sia qualcuno a imporceli, ma perchè siamo un Paese adulto che vuole ricominciare a costruire il futuro dei propri figli. Un Paese che vuole parlare quel linguaggio della verità e della responsabilità al quale il presidente Napolitano, proprio dal Meeting di Rimini, due anni fa, ci ha richiamato. L'Italia può farcela: questo è il messaggio".

Lo dice il premier, Enrico Letta, intervistato dal Sussidiario.net, alla vigilia dell'apertura del Meeting di Comunione e Liberazione a Rimini.
 
Nell'intervista il premier sottoliena che "il mondo cambia e corre e che l'Italia, da sola, non può semplicemente reggere questa rivoluzione. Può, invece, farcela e tornare a competere solo dentro una Europa più solida e unita, anche e soprattutto sul piano politico. Parlo però di un Europa diversa da quella che abbiamo osservato in questi anni di crisi". Per questo, dice Letta,  "quello che  auspico non è l'Europa del rigore e basta ma l'Europa dei popoli, quella che costruisce risposte concrete ai bisogni e ai problemi veri delle persone".

"Dire che l'euro è una sciagura - continua il capo del governo - è una sciocchezza. Il punto è che si tratta di un solo tassello della più ampia, e ambiziosa, unione economica e politica. In questa prospettiva tutti gli strumenti adottati non devono avere il sapore della contingenza, ma puntare dritto verso una maggiore integrazione. Penso, ad esempio, all'unione bancaria. La stiamo sostenendo con grande convinzione e continueremo a farlo nei prossimi consigli europei, ponendo poi il tema al centro del semestre di presidenza italiana dell'Ue, l'anno prossimo".

Tags:
lettaeuropa

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.